Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: "Ho sbagliato gomma, potevo essere in prima fila"

Danilo è settimo in griglia: "Marquez ha creduto subito nella media, io invece pensavo fosse meglio la morbida. Adesso tocca fare una grande partenza"

MotoGP: Petrucci: "Ho sbagliato gomma, potevo essere in prima fila"

Danilo Petrucci è abbastanza deluso per il risultato raccolto a Sepang in qualifica. L'alfiere del Team Pramac è sempre stato tra i più veloci in condizioni di asfalto bagnato, e la settima posizione conquistata in qualifica non rispecchia completamente il suo potenziale. Petrux ha spiegato che tutto è stato causato da una strategia per la scelta delle gomme non particolarmente indovinata, che ha portato ad invertire quella che invece sarebbe stata la soluzione perfetta, ovvero tentare l'assalto al cronometro utilizzando una gomma media.

Petrucci ha spiegato così una prestazione che lascia senza dubbio l'amaro in bocca, visto che nei primi minuti della sessione, con la gomma corretta, Danilo appariva l'unico in grado di tenere il passo di Marquez.

"Marquez è entrato convinto con la media - ha spiegato Danilo -  ed è andato subito meglio. Noi abbiamo fatto prima dei giri, diciamo in sicurezza, utilizzando la media. L’idea era di usare la morbida per fare il tempo negli ultimi minuti, ma in realtà quella gomma durava appena un giro. Io fino alla fine del primo run ero secondo, che non era affatto male. Dopo non mi è stato possibile migliorare. Solo Rossi è riuscito a migliorare con la morbida nel finale, anche Zarco era sulla media".

Una strategia che non ha funzionato, insomma.

"Le qualifiche sono state davvero molto difficili - ha sottolineato - perché non avevamo dati sul bagnato. La cosa più difficile è stata la scelta della gomma da utilizzare al posteriore. Alla fine abbiamo capito che la media sarebbe stata meglio della morbida, ma solo quando è terminata la sessione. Sfortunatamente abbiamo iniziato la Q2 con le medie e dopo abbiamo montato le morbide, che però non erano la scelta migliore quindi non sono riuscito a migliorare il mio tempo sul finale".

La settima posizione in griglia non è male però. Oggi era possibile puntare ad altro?

"Non sono molto felice per la mia posizione di partenza. Avrei potuto conquistare la prima o al massimo la seconda fila, mentre partirò in terza. Non so se la gara si correrà su asciutto o bagnato e non so neanche quale condizione sia migliore per noi. Almeno partire in settima posizione non è male in vista della gara, sarò lì e ci sarà bisogno di fare una buona partenza".

Sei contento del lavoro fatto sulla moto, come sei messo sul passo in vista della gara?

"Questa mattina ero contento del mio passo, ho provato la morbida sull’asciutto ed ero abbastanza soddisfatto. Anche con temperature molto elevate dell’aria sono stato veloce. Forse questa potrebbe essere la mia scelta in vista della gara, ma come sempre ho dei problemi a gestire la temperatura delle gomme, questo è il mio problema".

Sempre il solito problema legato al tuo peso.

"Quando inizio a spingere forte la gomma si surriscalda, poi inizia a scivolare tanto e questo rende la cosa sempre più difficile. Abbiamo visto che anche sul bagnato la storia è più o meno la stessa, quindi sarà necessario gestire bene in entrambi i casi. In ogni caso, non abbiamo il passo al momento per stare sul podio, ma credo che stare nei primi cinque sia possibile. Siamo in molti a poter lottare in quella zona di classifica, ma non siamo messi male. Sfortunatamente in FP4 non abbiamo avuto possibilità di girare molto con l’asciutto, ma di certo la chiave in vista della gara sarà il consumo della posteriore perché qui sarà parecchio. Da questo punto di vista, siamo a metà strada​​​​".

Hanno deciso di anticipare le gare, modificando tutti gli orari del programma originale. Per te sarebbe meglio una gara asciutta o bagnata?

"Sono contento che abbiano deciso di anticipare la partenza della gara, sembra che attorno a quell’ora non debba piovere. Anche se in realtà penso di essere più competitivo sul bagnato. Partendo all’una, dovremmo prendere meno acqua, almeno stando alle previsioni. Ma è tutto sulla carta".

JACK MILLER SEPANG

Jack Miller è stato più veloce del compagno di squadra e domani scatterà in sesta posizione alle spalle di Dovizioso, chiudendo la seconda fila proprio davanti a Petrucci. L'australiano ha confermato anche a Sepang  l'ottima crescita già mostrata anche a Phillip Island, dove è sempre stato competitivo per tutto il fine settimana.

Nel suo ultimo tentativo in qualifica, Miller ha anche commesso un paio di errori che gli hanno impedito di raccogliere un risultato ancora migliore.

"Non è andata male, ma ho avuto un problema alla nove con l’anteriore che mi stava per far cadere. Ho fatto un paio di errori che per poco non mi hanno fatto buttare via tutto, ma partiremo comunque in seconda fila. Abbiamo un buon ritmo, cercheremo di tenere il passo di quelli davanti in gara".

Hai detto ieri che in questo periodo ti senti in forma come non è mai accaduto nella tua carriera in MotoGP. E' ancora così per te?

"Si, mi sento molto bene, ho ottime sensazioni sulla moto. Funziona tutto perfettamente, anche stamattina sono stato molto veloce in condizioni difficili. Vedremo cosa saremo in grado di fare in gara e con le gomme, tutto dipenderà dalle condizioni che ci saranno".

Anche secondo te è stato un bene anticipare tutto il programma di domani?

"Penso che sia stato un bene cambiare gli orari, perché così potremmo evitare le piogge troppo violente che sono previste per il pomeriggio".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti