SBK, Bye bye Panigale R: a Losail si è chiusa un'era

Con il round del Qatar cala il sipario sulla V2 Ducati: "la moto più bella del mondo" rimasta incompiuta. Davies:"E' ora di iniziare una nuova sfida"

Share


Con la cancellazione dell'ultima gara - causa mal tempo - in Qatar và agli archivi la stagione 2018 delle derivate di serie. Una stagione che per i colori e la storia di Ducati in SBK ha un valore che và oltre il mero risultato sportivo. Dopo 30 anni il bicilindrico Ducati non gareggerà più (ufficialmente) in SBK, con la Panigale R che, dopo 6 anni, conclude la sua avventura tra le derivate senza, purtroppo, potersi fregiare del massimo titolo. Come l'opera di Schubert, la Sinfonia n.8 l'Incompiuta (appunto), la Panigale R lascia il campo di gara del Mondiale con il pregio di una moto dalle linee magiche, armoniose agli occhi, e che le sono valse l'appellativo, fin dalla sua uscita nel 2012, di "Moto più bella del mondo", ma a cui è mancata la consacrazione definitiva nel gota delle moto da corsa. Ha vinto ovunque, la Panigale R, le è mancata la ciliegina sulla torta.

E sì che di "ciliegine" in passato chi l'ha preceduta ne ha viste. Parliamo di 851, 888, 916, 996, 999 e 1198. Tutte regine. All'appello manca lei, la "Panigalona" che, complice una Kawasaki ed anche un fenomeno come Jonathan Rea, non è riuscita ad imporsi nel massimo campionato delle derivate. E vogliamo un po' immaginarla, con una punta di malinconia, lì sui cavalletti, bellissima, affascinante, ma un po' malinconica, triste, per una gioia che attendeva, desiderava, ma che non è riuscita a cogliere. Le è sempre sfuggita.

EREDE - Ma il futuro è dietro l'angolo: la V4R l'erede con un cuore tutto nuovo, un motore 4 cilindri a V da 1000 cc, scalpita dietro le serrande dei box. Dopo un lavoro di sgrossatura e messa a punto è ora pronta a scendere in pista e raccogliere il testimone delle V2. Tra un paio di settimane sarà la volta di Chaz Davies provarla nei primi test per il 2019: "Credo sia stato frustrante per i tifosi in pista ed a casa non poter assistere all’ultima ‘danza’ della Panigale R - dichiara Chaz - ma cancellare la gara è stata la giusta decisione".  Una nuova era lo attende: "non vedo l'ora di iniziare la sfida con la V4!"

Sono le gare, è la vita. Si guarda avanti al futuro che verrà. Alla V4R il compito di riuscire dove la V2 ha fallito e, lo crediamo, forse forse anche lei, ora che la saracinesca del box si è chiusa alle sue spalle, sta facendo il tifo per la nuova arrivata. 

La Ducati Panigale R chiude la sua serie in SBK con un totale di 28 vittorie e 107 podi. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti