Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: "Il segreto di Lorenzo? ferma la moto frenando poco"

Danilo sta cercando di modificare il suo stile: "serve tempo e a Phillip Island voglio fare un reset e non commettere gli stessi errori"

MotoGP: Petrucci: "Il segreto di Lorenzo? ferma la moto frenando poco"

Share


Le ultime gare per Danilo Petrucci non sono state né facili né ricche di soddisfazioni. Il pilota del team Pramac, già promosso nel team ufficiale per il prossimo anno, sta cercando di migliorarsi in vista di vestire il rosso, ma la strada è più difficile di quanto si aspettasse. Inoltre, tentando certi esperimenti durante i GP, i risultati rischiano di risentirsi.

Il ternano però sa quale strada deve seguire, ed è quella tracciata dal pilota di cui prenderà il posto: Jorge Lorenzo.

Nelle ultime gare ho cercato di fare qualcosa di diverso sulla moto - spiega - Non dico che non abbia funzionato, ma per certe comparazioni serve tempo. Io riesco a  guidare bene una moto con un certo assetto, ma chi sta andando forte adesso sulla Ducati usa un diverso bilanciamento dei pesi. Quando lo provo non riesco a essere efficace, dovrò arrivarci per gradi”.

Petrucci sa qual è l’area su cui lavorare.

Devo imparare a frenare meglio - afferma - Le gomme sono in continua evoluzione e negli ultimi tempi è cambiato il modo di frenare. Lorenzo è stato utile sia a me che a Dovizioso, perché ci ha permesso di capire come farlo, Jorge faticava sotto quell’aspetto, ma poi è riuscito ad arrivare ai livelli di quando guidava la Yamaha. Lui riesce a fermare la moto usando poco il freno, alla fine è il principio delle corse: se freni meno vai più forte”.

Facile a dirsi, ma difficile a farsi. Infatti Danilo in Giappone non ha entusiasmato

A Motegi avevo tentato un azzardo, partendo con un setup studiato sulla carta - ricorda - Purtroppo,  senza i riferimenti del 2017 in cui si era corso sul bagnato, abbiamo pagato moltissimo questa scelta. Inoltre, venerdì pomeriggio non abbiamo potuto girare e sabato mattina sono caduto nel giro di uscita, così ho gettato via tutto il fine settimana”.

Petrucci assicura che gli è servito da lezione.

“Qui non voglio ripetere lo stesso errore - sottolinea - Da un certo punto vista mi sono rilassato, mi stava schiacciando il fatto di volere sempre modificare la moto. Tra una gara e l’altra la cambiavo abbastanza, mentre altri ducatisti non lo facevano. Qua partirò dalla solita base e proverò a girare tanto senza fare grosse modifiche, è questo il segreto di Dovizioso”.

Phillip Island però non è la pista preferita dalla Desmosedici, guardando agli ultimi anni.

Io voglio fare un reset - l’obiettivo di Petrucci - Su questa pista avevo faticato tanto, meglio non guardare al passato perché avevo fatto. un casino totale. In Australia era stato difficile per tutte le Ducati, ma ora penso che la situazione sia diversa, anche se, finché non sali in moto, non puoi mai sapere cosa aspettarti. L’importante è rimanere calmo e lavorare su me stesso”.

Articoli che potrebbero interessarti