Tu sei qui

MotoGP, Ducati a due facce in FP1: Dovizioso Top, Lorenzo Out a Motegi

L'alfiere italiano della Ducati è risultato il più veloce mentre Jorge dovrà rinunciare a correre. Secondo Crutchlow davanti a Zarco. Marquez 4°, Rossi 9°

MotoGP: Ducati a due facce in FP1: Dovizioso Top, Lorenzo Out a Motegi

Andrea Dovizioso non ha molte scelte da fare a Motegi. Il suo unico obiettivo è quello di battere Marquez e cercare di rimandare la festa per il settimo sigillo iridato dello spagnolo. Con il miglior tempo nella prima sessione di libere sul tracciato di casa della Honda, il pilota della Ducati ha messo il primo mattoncino per compiere l'impresa, ma la strada è ovviamente ancora lunga e l'incognita meteo potrebbe rimescolare parecchio le carte.

L'italiano ha preceduto nella lista dei tempi la Honda 'sbagliata', ovvero quella di un coriaceo Cal Crutchlow che sempre di più sta recitando il ruolo di spalla per Marc Marquez, centrando dei risultati che forse sarebbero attesi da Dani Pedrosa, solo undicesimo e ancora lontano dai propri riferimenti.

Terzo posto in questa griglia virtuale anche per un'altra moto 'sbagliata', ovvero la Yamaha M1 di Johann Zarco, che si è preso il lusso di battere Marquez in questa FP1 e di chiudere una prima fila virtuale che può regalare grande motivazione al francese in vista del resto del weekend di gara. La Yamaha ha in ogni caso trovato a Motegi parziali conferme che i passi in avanti mostrati in Thailandia non fossero solo dovuti ad una particolare conformazione di quel tracciato, bensì imputabili ad un concreto miglioramento dell'equilibrio della M1. 

Vinales ha infatti chiuso al quinto posto la sessione a meno di tre decimi da Dovizioso, dimostrando che la moto di Iwata potrebbe davvero essere tornata sui livelli che tutti si aspettano. Valentino Rossi ha chiuso invece al nono posto una sessione in ogni caso positiva. Era importante assicurarsi un posto nei primi dieci per il Dottore, vista la possibilità che parte del fine settimana di Motegi sia condizionato dalla pioggia, e l'obiettivo è stato centrato da Rossi.

E' andata meglio ad Andrea Iannone, sesto nella classifica dei tempi e molto a suo agio con la Suzuki su un tracciato apparentemente poco favorevole alle caratteristiche della GSX-RR. L'italiano ha preceduto Alvaro Bautista, sempre molto veloce con la Ducati del Team Angel Nieto e incappato in una scivolata innocua negli ultimi minuti della sessione proprio mentre stava migliorando il proprio riferimento cronometrico.

A precedere Rossi in classifica c'è Jack Miller, ancora una volta più veloce del suo compagno Danilo Petrucci, solo diciassettesimo al termine della sessione e davvero lontano dalle prestazioni che ci si aspetterebbe dal futuro pilota ufficiale della Ducati. Danilo dovrà ritrovare presto la strada della competitività per non fa rimpiangere troppo Jorge Lorenzo, che a Motegi non correrà.

Lo spagnolo ha purtroppo dovuto issare bandiera bianca, chiudendo il proprio Gran Premio del Giappone dopo neanche un giro di pista. Troppo forte il dolore al polso infortunato a Buriram nelle violente staccate del Twin Ring per tentare di correre, meglio fermarsi e tentare di tornare in buone condizioni fisiche in vista delle altre due gare del trittico asiatico, ovvero Phillip Island e Sepang.

Da segnalare l'ottima prestazione di Aleix Espargarò, che ha portato l'Aprilia RS-GP in top ten davanti a Dani Pedrosa. Buona sessione anche per il suo compagno Scott Redding, dodicesimo e raramente così in alto in classifica in questa stagione. Ottimi tempi anche per la wild card giapponese Nakasuga, che corre a Motegi con una M1 in livrea celebrativa per il 20° anniversario della R1, l'ammiraglia sportiva di Iwata. Il pilota giapponese si è preso il quindicesimo tempo in questa FP1.

Questa la classifica della FP1 MotoGP a Motegi:

CLASSIFICA FP1 MOTOGP MOTEGI
Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti