Tu sei qui

SBK, Melandri: “Rea ha un piccolo vantaggio, ma siamo vicini”

Davies chiamato a rincorrere a El Villicum: “Abbiamo sbagliato strada nella FP3, rimango però fiducioso”

SBK: Melandri: “Rea ha un piccolo vantaggio, ma siamo vicini”

L’attesa era grande, perché si trattava delle prima volta e di conseguenza non mancava la curiosità per capire i valori in campo. Una cosa pare certa: Marco Melandri ha superato con ottimi voti il debutto al Villicum, rivelandosi il primo degli inseguitori nei confronti della Kawasaki di Johnny Rea.

Trapela quindi soddisfazione da parte del 33: “È stata una giornata molto positiva per noi – ha detto il romagnolo - le condizioni non erano facili perché, con la pista così sporca, la fiducia con la moto cambiava ad ogni giro”. Non manca poi una battuta sul tracciato: “Devo dire che è fantastico – ha analizzato -  estremamente tecnico e mi sono divertito molto a guidare. Non sarà facile sorpassare in gara, perché al momento c'è solo una traiettoria 'pulita', ma stiamo lavorando nella giusta direzione”.

Ovviamente il principale indiziato per la vittoria resta Rea: “Sarà fondamentale gestire bene la gomma anteriore – ha sottolineato Melandri - al momento Johnny ha un piccolo vantaggio, ma siamo davvero vicini. La gara non sarà facile, io  però mi sento in forma”.

Se il romagnolo ha mostrato di avere il passo dei migliori, Chaz Davies si è dovuto accontentare del settimo crono con un ritardo di otto decimi: “La priorità era prendere le misure alla pista, passo dopo passo, ed in generale penso che abbiamo lavorato bene – ha dichiarato il gallese - il circuito mi piace molto, è tecnico e vario, ma d'altro canto l'asfalto è ancora piuttosto sporco”.

Nell’ultima sessione è però mancato il passo avanti sperato: “Abbiamo provato una modifica abbastanza radicale all'assetto ed alla trasmissione nella FP3 ma non si è rivelata azzeccata – ha ammesso Chaz - siamo quindi tornati alla configurazione utilizzata nella FP2 e ci è voluto un po' per ritrovare la fiducia, anche perché nel frattempo la pista stava migliorando rapidamente in termini di aderenza”.

L’alfiere Ducati preferisce quindi vedere il bicchiere mezzo pieno: “Quando abbiamo spinto di più sul finale, non abbiamo avuto difficoltà a fare un buon tempo – ha concluso - sono fiducioso che continueremo a fare progressi nella giornata di sabato”.

Articoli che potrebbero interessarti