Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "Un sollievo sapere che non ho colpe"

Jorge: "Potevo farmi molto più male, ma domani proverò a correre anche se sarà dura. Sono tranquillo perché il problema non si ripeterà"

MotoGP: Lorenzo: "Un sollievo sapere che non ho colpe"


Non è iniziata certo nel modo migliore la tre giorni di thailandese per Jorge Lorenzo. Già, perché nel corso della FP2 il maiorchino è stato vittima di un violento highside che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca in anticipo.

Trasportato al centro medico e in seguito all’ospedale di Buriram, al maiorchino sono state escluse fratture. Presenti soltanto contusioni al polso e alla caviglia, che vanno ad aumentare il dolore dopo la precedente caduta di Aragon. La certezza è che l'accaduto sia stato causato da un problema tecnico e non per colpa dello spagnolo.

Sapendo quello che ho passato devo dire che da una parte sono stato sfortunato per la caduta, mentre dall’altra fortunato perché potevo farmi molto più male –ha commentato Jorge  - sono sollevato perchè ho avuto paura che il mio problema al piede, dovuto alla caduta di Aragon, fosse causa dell'incidente. Invece siamo riusciti a capire che si è trattato di un problema tecnico”.

Il dispiacere è grande sul volto del 99.

“Peccato, perché in quel momento stavo andando forte e miglioravano sia le sensazioni che la velocità – ha sottolineato - anche se le possibilità sono minime farò in modo di provare a salire sulla moto sabato. Già da ora so che sarà dura, dato che sto peggio rispetto a stamani”.

L’attenzione del maiorchino si sposta poi sul problema.

“Ho parlato con Gigi e hanno capito cosa è accaduto  - ha concluso – la squadra sa bene cosa fare per il futuro e come comportarsi. Sotto questo punto di vista sono tranquillo perché faremo qualche modifica affinché non si ripeta”.  

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti