Tu sei qui

SBK, SS600, FP1: Cortese guida l'armata Yamaha a Magny-Cours

Da Sandrino a Perolari, sono tutte R6, con Cluzel, Mahias, Caricasulo e Krummenacher. Smith su Honda è settimo, prima delle MV di Badovini e De Rosa 

SBK: SS600, FP1: Cortese guida l'armata Yamaha a Magny-Cours

Il dispetto - seppur involontario - commesso a Portimao da Sandro Cortese nei confronti di Julies Cluzel continua anche a Magny-Cours, nel primo turno di prove libere della classe Supersport.

Dopo aver buttato giù il diretto contendente al titolo in Portogallo, il tedesco lo ha beffato proprio sulla pista di casa, siglando un 1'41”465 con la Yamaha del team di Vesa Kallio, fratello di Mika.

Cluzel, con la R6 del team indiano Nerds, ha accusato un gap di 115 millesimi ma, lo conosciamo, il temperamento di Julies sta preparando la vendetta sulla sua pista di casa: una vittoria potrebbe tenerlo in corsa fino alla fine.

Protagonista sfortunato nell’Algarve, Lucas Mahias sa che di fronte al pubblico amico non avrà nulla da perdere. Il campione in carica - escluso dalla matematica nei conti finali - proverà in ogni modo a tagliare per primo il traguardo, nel frattempo piazza la terza Yamaha consecutiva nella lista dei tempi.

Con Caricasulo quarto, Krummenacher quinto, ed il pilota GMT94 Perolari, è un vero e proprio dominio della 4 cilindri di Iwata, indubbiamente la moto più veloce e meglio sviluppata della categoria.

La Honda dello spericolato Kyle Smith precede le due MV Agusta di Badovini e De Rosa, sempre molto bravi con le loro tre cilindri varesine.

Il giapponese Okubo con la Kawasaki Puccetti ha la miglior Ninja nella classifica del turno, Hector Barbera fatica in sedicesima posizione ma, va detto, per lo spagnolo Magny-Cours è una novità.

Triumph diciassettesima con il finlandese Pekkanen, ventitreesimo è Hornsey con la seconda moto inglese. Gli italiani Muzio e Coppola completano la classifica.

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti