Tu sei qui

MotoGP, Rabat tenta il recupero lampo: in pista a Phillip Island

Il pilota del Team Avintia, dopo il grave infortunio di Silverstone, vuole accelerare i suoi tempi di recupero per tornare sulla Ducati

MotoGP: Rabat tenta il recupero lampo: in pista a Phillip Island

Dopo il grave incidente subito a Silverstone (frattura esposta al femore, oltre a quelle a tibia e perone) la stagione di Tito Rabat sembrava praticamente finita. Difficile potere pensare a un rientro in pista del pilota spagnolo dopo un incidente così importante che richiede tempo di recuperi molto lunghi.

I motociclisti, però, difficilmente si arrendono davanti alle difficoltà e sono sempre pronti a riscrivere qualche pagina della scienza medica. Tito ha dimostrato fin dai giorni immediatamente successivi all’operazione di volere accelerare i tempi e, in questi giorni, si sta impegnando con tutte le sue forze per tornare in sella alla Ducati del team Avintia prima della fine dell’anno.

Quando? Rabat ha in testa una data ed è quella che corrisponde al GP di Australia, che inizierà il 25 ottobre a Phillip Island. Significherebbe riuscire a tornare in sella a due mesi esatti dall’incidente. Considerando la gravità delle lesioni, sarebbe quasi un miracolo.

Lo spagnolo ha tutta l’intenzione di provarci, anche se i medici preferiscono andare con i piedi di piombo ed essere sicuri di minimizzare i rischi prima di permettere a Tito di tornare alla guida della sua Desmosedici.

Sicuramente in Tailandia ci sarà ancora Jordi Torres sulla Ducati di Avintia e probabilmente lo rivedremo anche a Motegi, poi bisognerà valutare le condizioni fisiche di Tito. Il GP australiano sarà la prima possibilità di rivederlo in pista, ma anche se non fosse quella buona sicuramente Rabat ci proverà a Sepang o a Valencia.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti