Tu sei qui

SBK, Portimao: il Bello, il Brutto e il Cattivo

Rea non si ferma e conquista anche il Portogallo, Davies più forte del dolore, in SSP vince Caricasulo, ma gli applausi se li prende Mahias

SBK: Portimao: il Bello, il Brutto e il Cattivo

La Superbike è tornata in azione lo scorso fine settimana a Portimao, dove Johnny Rea ha monopolizzato ancora una volta la serie. Il Cannibale ha pensato bene di calare il bis, compiendo un ulteriore passo avanti verso il quarto titolo iridato. Nella domenica portoghese brilla anche il tricolore, grazie a Federico Caricasulo e Roberto Tamburini, protagonisti nella Supersport e Stock1000.  

IL BELLO – A trionfare è stato Federico Caricasulo, ma il vincitore morale di Portimao nella SSP è a tutti gli effetti Lucas Mahias. Prima la foratura all’ultimo giro, poi il rientro ai box sul cerchio con tanto di doppia caduta. Il francese ha voluto riportare a tutti i costi la moto ai box, inseguendo una vittoria che sarebbe stata storica, invece una volta sceso dalla R1 l’amara delusione della squalifica. Non gli resta che consolarsi con gli applausi del pubblico e della propria squadra, compreso quello del compagno di squadra. Una nota la merita anche Chaz Davies. Nonostante la frattura alla clavicola, il gallese è riuscito a portare la Panigale al quarto posto in entrambe le manche.

IL BRUTTO – Eppure in pista la bagarre non è mancata, invece le tribune di Portimao sono apparse vuote. Uno cornice di pubblico a dir poco desolante per la tappa portoghese delle derivate, quasi a ricordare quella degli ultimi anni al Lausitzring. Uno spettacolo che i piloti non meritano, sarebbe interessante capire la posizione di Dorna a riguardo.   

IL CATTIVO – Eugene Laverty sognava in grande per Gara 1, ancora di più dopo aver messo in cassaforte la Superpole. Invece la sua corsa è durata solo tre curve, il tempo che Xavi Forés lo travolgesse da dietro, facendolo cadere a terra. Un episodio che non è proprio andato giù al portacolori Milwaukee, ambizioso di tornare sul podio con l’Aprilia.   

LA DELUSIONE – Una domenica dal doppio volto in casa Yamaha. Già, perché mentre Michael van der Mark festeggiava sul podio, ad Alex Lowes non restava che leccarsi le ferite. Il decimo e l’undicesimo posto lasciano infatti l’amaro in bocca al pilota britannico. Tra due settimane lo aspettiamo a Magny-Cours per l’esame di riparazione.  

LA CONFERMA – Se in Superbike si chiama Rea, nella Supersport porta il nome di Raffaele De Rosa. Anche a Portimao il pilota campano non ha mancato l’appuntamento col podio. Guardando le statistiche, nelle ultime sei gare l’alfiere MV Agusta è l’unico tra i primi cinque delle classe sempre presente nelle prime tre posizioni. Adesso manca solo il gradino più alto!

L’ERRORE – In molti si chiedono cosa sia passato nelle mante di Sandro Cortese. Una manovra che ha alimentato tante perplessità, a tal punto da causare il ritiro dello sfortunato Jules Cluzel. Ci è dispiaciuto non poco vedere il francese subito fuori dai giochi, perché stavamo già pregustando a un’accesa bagarre col tedesco.  

LA SORPRESA – A vedere dai tempi del venerdì, sembrava che Markus Reiterberger fosse pronto a stappare lo champagne per la vittoria del titolo. Invece ha dovuto rivedere i propri piani! Colpa di Roberto Tamburini, che finalmente ha colto la prima vittoria stagionale, conquistando anche la seconda posizione in Campionato.

IL SORPASSO – Gara 2 rimarrà probabilmente una delle più belle ad avvincenti di questa seconda parte di Campionato. I sorpassi non sono infatti mancati e allora lasciamo a voi la scelta del più bello!

LA CURIOSITA’ – Sono ben sei appuntamenti che Tom Sykes non vince una gara e ci dispiace non poco per un talento del suo calibro. Una striscia così lunga per il portacolori della Kawasaki non accadeva dal 2011. Discorso in parte opposto per Michael van der Mark, mai così presente sul podio come in questa annata.  

IO L’AVEVO DETTO – “La vittoria? L’avevo già realizzata prima della partenza di Gara 1”. Tra tutte le qualità di Johnny Rea, non sapevamo potesse addirittura prevedere il futuro.

 

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti