Tu sei qui

SBK, Melandri: "Contro Rea non potevo fare di più"

Davies: "Il quarto posto non l'avrei mai immaginato, l'unica cosa che volevo dopo Gara 1 era un letto"

SBK: Melandri: "Contro Rea non potevo fare di più"

Il suo futuro è ancora tutto da scrivere, ma Marco Melandri ci ha tenuto a mandare un segnale di competitività a Portimao. C’è infatti la sua Ducati a brillare sul podio di Algarve. Il romagnolo conquista infatti il secondo posto alle spalle del Cannibale Rea.

“Il secondo posto era il massimo che potessi ottenere – ha dichiarato Marco - sapevo che il passo di Rea fosse migliore, ma siamo riusciti a partire molto bene e restare con lui nei primi giri. Volevo provare a sorpassarlo per spezzare il suo ritmo, ma non è stato possibile. Lui era più veloce in alcuni tratti, io in altri”.

C’un aspetto che ha condizionato la sua prestazione.

Col trascorrere dei giri abbiamo iniziato a faticare nelle curve più lente e non sono riuscito a restargli attaccato – ha ricordato – in Gara 2 proveremo a migliorare la stabilità, in seguito sarà fondamentale partire bene dalla terza fila e recuperare in fretta qualche posizione. Mi aspetto un'altra gara divertente”.

Dall’altra parte del box Chaz Davies è stato costretto a stringere i denti. Reduce dalla frattura alla clavicola in allenamento, il gallese è risalito fino al quarto posto, chiudendo alle spalle di van der Mark.

“Sono riuscito a scattare davvero forte alla partenza, ma non è stato comunque facile recuperare – ha commentato l’alfiere Aruba -  alla prima curva ci sono stati un po' di contatti, ho quindi dovuto essere cauto, tenendo la traiettoria interna, che si è poi rivelata la scelta migliore. Le prime curve sono state fondamentali, perché ne sono uscito in sesta posizione. Volevo restare con van der Mark e recuperare sui piloti in lotta per il podio, ma non riuscivo a far girare la moto come volevo e negli ultimi giri ho cercato di forzare un po' meno fisicamente dal momento che le posizioni erano ormai consolidate”.

Chaz si ritiene comunque soddisfatto per la prestazione.

“In generale sono davvero molto contento – ha detto – al termine di Gara 1 l’unica cosa che volevo era un letto per stendermi. Posso dire che le sensazioni in sella sono migliorate turno dopo turno ma realisticamente non credevo di poter fare meglio di un ottavo posto. Chiudere in quarta posizione e partire dalla pole domani va ben oltre le nostre migliori aspettative”.

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti