Tu sei qui

SBK, FP1: A Portimao Rea e la Kawasaki sono imprendibili

Il leader del Mondiale batte la MV di Torres ed il convalescente Sykes, 7° Melandri. Davies è tredicesimo dopo l'infortunio alla spalla

SBK: FP1: A Portimao Rea e la Kawasaki sono imprendibili

Manca mezzo passo a Jonathan Rea per raggiungere il quarto e consecutivo titolo iridato e a Portimao il nordirlandese - con eventuali errori degli avversari - potrebbe anche farcela.

Includendo le due manche portoghesi, sono ancora 200 i punti da assegnare ed il Cannibale ha “solo” 100 lunghezze di vantaggio su Davies, il “primo dei secondi”; con una doppietta tra sabato e domenica e due zeri del gallese, sarebbe l’ennesimo alloro piloti per la Kawasaki.

Al di là della matematica e delle teorie, passiamo alla pratica ed ai dati certi: il numero 1 fa suo il primo turno di libere del weekend, sfruttando meglio di tutti le coperture maggiorate portate dalla Pirelli, siglando un 1'41'817 condito da una velocità massimo di 310 chilometri orari.

Con un futuro ancora da definire ed una moto meno evoluta di quelle rivali, ottimo è il secondo tempo di Jordi Torres con la MV F4, a circa mezzo secondo dalla Ninja ufficiale. Lo spagnolo non si tira mai indietro quando trova la lotta, la moto varesina ben digerisce le tante curve in salita e discesa del tracciato portoghese.

A quanto pare, Tom Sykes sta benone: dopo l’infortunio rimediato in allenamento e l’intervento chirurgico, il numero 66 non è più tornato in sella ed il terzo tempo della sessione denota come - almeno in un giro secco - Tom riesca a portare al limite la sua Kawasaki ufficiale.

Miglior Ducati nella lista è, ancora una volta, quella indipendente del team Barni, grazie Xavi Fores, velocissimo in ogni condizione. Anche lo spagnolo numero 12 sta lavorando per il futuro, che lo vedrebbe vestire gli stessi colori e cavalcare la nuova Panigale 4 cilindri.

Quinto l’olandese motorizzato Yamaha, Michael Van Der Mark, in visita a Misano durante il weekend della MotoGP. “Magic Michael” ha già firmato con la Casa dei tre diapason per rimanere in Superbike ma, avendo lui una età favorevole, sondare il terreno per un futuro nel Motomondiale è una mossa più che consigliata.

Pilota attualmente a piedi - ehm, ovvero: che guida sì una RSV4 Milwaukee, ma senza un contratto 2019 - Eugene Laverty inizia la tre giorni con il sesto tempo, davanti a quello che potrebbe essere un disoccupato di lusso il prossimo anno.

Si tratta di Marco Melandri, settimo con la Panigale Aruba, squadra che lo ha sostituito con il nuovo arrivo Alvaro Bautista. Il ravennate non ha ancora ufficializzato cosa farà del suo futuro agonistico, sono diversi i team che lo accoglierebbero volentieri, si parla di Yamaha ed Honda, ma prima è necessario trovare la quadratura del cerchio.

Dopo Alex Lowes, Honda nona con il confermato Leon Camier, inglese che non sa chi avrà al suo fianco nella prossima stagione, O meglio, magari Leon lo sa, ma non lo vuole svelare. Gagne - decimo - sembra infatti che partirà per altri lidi, Razgatlioglu continuerà con il team Puccetti: del turco è il crono numero 11.

Loris Baz ha ri-assaggiato la MotoGP a Silverstone, pur senza correre il Gran Premio. La KTM è piaciuta all’altissimo francese del team BMW Althea, desideroso di tornare ancora nei prototipi e con il dodicesimo tempo di Portimao SBK.

Chaz Davies soffre tredicesimo, ma possiamo capirlo: il doppio infortunio che ha afflitto il gallese avrebbe consigliato a chiunque uno stop, il numero 7 Ducati tiene stretti i denti e ci prova lo stesso.

Lorenzo Savadori è quattordicesimo con la seconda Aprilia, Rinaldi appena dopo con la quarta Ducati nella lista; per entrambi le posizioni future sono ancora da chiarire.

Tati Mercado già pregusta l’appuntamento argentino di El Villicum, a Portimao parte con un sedicesimo tempo, meglio di Patrick Jacobsen - un altro che fatica a scucirsi la bocca parlando dei suoi progetti sportivi - Yonny Hernandez - con Pedercini anche nel 2019 - e Roman Ramos. Torna nel Mondiale Kuba Smrz, con la R1 ed il ventesimo tempo.

 

 

 

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti