Tu sei qui

Moto3, Di Giannantonio-Gresini, un accordo per evitare il giudizio

La lite fra pilota (che vuole la Moto2 nel 2019) e manager è ormai in tribunale. Il procuratore però spera ancora in un accordo con l'ex iridato

Moto3: Di Giannantonio-Gresini, un accordo per evitare il giudizio


Non c’è solo il ‘caso Fenati’ a far discutere in questi giorni team manager e tifosi del motomondiale.

Per fortuna con elementi di minore gravità c’è la disputa legale nella quale si stanno fronteggiando Fabio Di Giannantonio e Fausto Gresini.
I fatti: Diggia ha reso noto al team Gresini di voler gareggiare in Moto2 nel 2019 e non più in Moto3. Con un contratto quadriennale firmato le parti hanno convenuto sulla possibilità di trasformare questo accordo in un nuovo contratto per la Moto2.

Il motivo del contendere è stato la durata: il pilota avrebbe voluto un accordo annuale, dunque con scadenza a fine 2019; Gresini ha preteso un altro biennale, valido a tutto il 2020.

Una richiesta giustificata con desiderio di far proseguire la crescita del pilota romano, ma anche eventualmente di sfruttarne i progressi agonistici.

Il litigio è scoppiato quando Gresini ha presentato a Di Giannantonio una bozza di proposta dando al pilota quattro giorni di tempo per decidere.

Fabio non è riuscito nel tempo concessogli a farlo, così Gresini ha ingaggiato Sam Lowes.

A questo punto le parti, senza più la possibilità di trovare un accordo per la Moto2, sono finite in tribunale, con Gresini che da una parte chiede al pilota l’adempimento del contratto firmato, e Fabio che vorrebbe liberarsi per poter correre nel 2019 con un altro team.

“Noi avremmo voluto raggiungere un accordo - ha spiegato Diego Tavano, il procuratore di Di Giannantonio - purtroppo non c’è stato il tempo materiale per farlo. Abbiamo avuto troppo poco tempo”.

Ora l’intera faccenda è in mano ad un giudice ma il procuratore spera ancora in un accordo amichevole.

“Se Gresini, come dice, avrebbe voluto Fabio per due anni per favorirne la carriera, ci aspettiamo che ora, smaltito il nervosismo, riesca a ragionare con noi per la migliore soluzione possibile”.

Tavano auspica dunque una transazione fra le parti. Che peraltro è quanto cercano sempre di ottenere i giudici in questo caso, evitando le lungaggini ed incertezze del cammino giudiziario.

“Fabio Di Giannantonio si è sempre comportato da vero professionista in un frangente che avrebbe potuto demotivarlo e deconcentrarlo. Il podio di domenica scorsa conferma invece il suo impegno per la squadra e per gli sponsor”.

La situazione è in evoluzione. Rimanete collegati.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti