Tu sei qui

MotoGP, Iannone: "Ho perso troppo tempo con Morbidelli e Petrucci"

Gara deludente per il pilota Suzuki a Misano: "La moto non frena, non riesco a superare gli altri. Nella fase centrale avevo anche raggiunto Rossi"

MotoGP: Iannone: "Ho perso troppo tempo con Morbidelli e Petrucci"


Senza dubbio questa edizione del Gran Premio di Misano è stata avara di soddisfazioni per Andrea Iannone e la sua Suzuki. A differenza di quanto fatto dal suo compagno di team Alex Rins, quarto al traguardo dopo una splendida gara, per The Maniac il bottino raccolto è rappresentato dal misero ottavo posto. Un bilancio che sarebbe stato anche peggiore se Lorenzo non fosse caduto a meno di due giri dalla bandiera a scacchi.

I problemi in frenata che avevano afflitto la Suzuki di Iannone durante le libere e le qualifiche non sono stati risolti dai tecnici del box in vista della gara, e Andrea è stato costretto a correre in difesa cercando di raggiungere il miglior risultato possibile in questo quadro tecnico oggettivamente poco entusiasmante.

"Sapevo che sarebbe stata difficile - ha spiegato Andrea - perché quando parti da dietro fai molta fatica a recuperare con questa moto".

In passato sei stato autore di ottime rimonte, cosa è mancato oggi per tentare di restare nel gruppetto dei piloti davanti?

"I problemi di questo tipo succedono soprattutto perché io non riesco ad essere efficace in frenata e ho perso molto tempo nei sorpassi. Ci ho messo troppo tempo prima di passare Morbidelli e Petrucci. Poi quando sono riuscito a superare loro, ho anche iniziato a recuperare su Vinales, Pedrosa e Rossi".

Qualcosa da salvare in questo GP allora c'è.

"Quella è stata una buona fase della gara, ma un lungo alla dieci - ha analizzato The Maniac - mi ha fatto perdere circa un secondo e mezzo. Dopo ho ricominciato a recuperare, ero veloce ed avevo un buon passo. Sono arrivato anche a 4 decimi da Vale, ma non mi bastavano per tentare un attacco nel finale, ero ancora troppo lontano".

La prossima tappa è Aragon, un tracciato su cui avete svolto dei test andando anche molto forte.

"Si, ora tocca ad Aragon, dove abbiamo fatto un test che però non ho svolto completamente perché avevo problemi alla schiena. Spero che sia una pista positiva per noi, e cercheremo di fare sicuramente meglio di adesso".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti