Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: "per salire sul podio sono anche andato dal Papa"

Danilo scherza prima del GP di Misano. "Incontrarlo è stato indimenticabile. Ripetere il 2° posto dell'anno scorso? nulla è impossibile"

MotoGP: Petrucci: "per salire sul podio sono anche andato dal Papa"

Per salire sul podio a Misano sono anche andato dal Papa”, Danilo Petrucci racconta con ironia l’incontro con il Pontefice ieri a Roma. Lasciando da parte gli scherzi, il ternano si fa serio per raccontare una giornata che non dimenticherà mai.

“Non voglio mentire e vi confido che non sono credente, ma conoscere il Papa è stata un’esperienza incredibile - dice - Ha parlato con noi a ruota libera, mi ha colpito la sua spontaneità ed è stata un’esperienza indimenticabile. Sicuramente è stato un bel modo per iniziare il Gran Premio di casa”.

Misano l’anno scorso, con una gara sul bagnato, aveva sorriso al pilota del team Pramac che era stato in testa per tanti giri per poi arrendersi solo a Marquez.

Sarà difficile migliorare quel risultato - sorride - ma non c’è niente di impossibile. Io darò il 100% come sempre, anche se chi ha fatto i test qui partirà un passo davanti”.

Danilo pensa ai due piloti ufficiali Ducati, a quelli Yamaha e Suzuki.

Il mio primo obiettivo, come al solito, è stare nei primi 5 e già non è scontato - sottolinea - Ci sono almeno 7 piloti che possono puntare al podio ed è complicato. Inoltre non sono esclusi degli acquazzoni e potrebbero compromettere l’accesso alle Q2 e una buona posizione di partenza è molto importante”.

Tante variabili per Petrucci, ma il ternano ha anche qualche certezza dopo i test ad Aragon di pochi giorni fa.

Nonostante abbiamo trovato una pista molto sporca, abbiamo avuto l’occasione di capire molte cose e alcune ci saranno utili anche per questo fine settimana di gara - spiega - Non avevo nuovo materiale da provare, ma ho avuto il tempo per alcune comparazioni con la nuova sella che avevo provato per la prima volta nei test di Brno. Prima usavo il materiale di Dovi e Lorenzo, a seconda delle piste, ma con questa l’obiettivo è di migliorare la frenata sfruttando il mio peso. Per farla semplice ha una seduta più bassa e mi porta dei vantaggi”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti