Tu sei qui

MotoGP, Iannone: "La pioggia potrebbe aiutare la Suzuki"

Andrea è 9° al termine delle libere: "Migliorare in frenata sarà la chiave per fare bene in questo weekend" 

MotoGP: Iannone: "La pioggia potrebbe aiutare la Suzuki"

Non è iniziato in modo entusiasmante il weekend di Silverstone per Andrea Iannone, nono nella classifica combinata delle libere alle spalle di Valentino Rossi. Il pilota di Vasto può almeno sorridere per essere entrato nei primi dieci al termine di un venerdì difficile per Suzuki, con il suo compagno Alex Rins relegato alla diciannovesima posizione.

Tanti i problemi che sembra accusare la GSX-RR sul tracciato britannico, che nonostante il nuovo asfalto non sembra offrire alla moto di Hamamatsu alcuna possibilità di esprimere il proprio potenziale.

 

"Sicuramente le condizioni sono strane - ha aperto Iannone - ieri ci aspettavamo che con l’asfalto nuovo, tutti gli avvallamenti e le buche non dessero fastidio come l’anno scorso. Ce ne sono forse meno, ma alla fine secondo me la pista è molto scivolosa e sento meno grip. Sulle buche la moto scivola tanto. Detto questo, le sensazioni in moto sono buone ma non basta. Non siamo veloci quanto vorremmo e questo è un aspetto non proprio positivo".

Sei in difficoltà principalmente per lo scarso grip e le buche, o la Suzuki ha altri problemi qui?

"Perdiamo un po’ in frenata e molto in accelerazione e questi problemi ci impediscono di stare davanti - ha analizzato The Maniac -   Nella prima parte di frenata, quando la moto è dritta, noi perdiamo molto, freniamo prima rispetto agli altri. Questo poi non ci permette di rallentare nello stesso spazio e in quel frangente perdiamo tempo. Domani cercheremo di migliorare questa situazione con un diverso assetto e cercheremo anche di trovare un po’ di grip per accelerare più forte fuori dalle curve".

I problemi in frenata sono causati dal grip o forse da una bilanciamento di freno motore da sistemare al meglio?

"Se fosse un problema di freno motore sarebbe molto facile risolvere tutto, perché abbiamo possibilità di aumentarlo e diminuirlo intervenendo sulle regolazioni. Ma il freno motore dipende molto anche dal grip che c’è, perché se l’aumenti e dietro la gomma scivola non riesci a rallentare e fai solo peggio".

ANDREA IANNONE - SILVERSTONE

Eppure altri piloti, come Vinales e Marquez, nonostante le buche presenti, non si sono lamentati per il grip, trovando persino un miglioramento rispetto al passato.

"Per me il grip è strano, ci sono gli avvallamenti e quando li prendi la moto scivola abbastanza. Il problema è che la moto si muove tanto in ingresso, a centro curva. Alla fine non bisogna mai coltivare aspettative troppo altre, ci aspettavamo ieri un asfalto diverso, con meno avvallamenti e invece alla fine è così. La situazione è uguale per tutti, quindi questo non giustifica il nostro svantaggio".

Oltre a queste problematiche, c'è anche un forte rischio pioggia in vista della gara, come nella migliore tradizione in Gran Bretagna. Pensi che la situazione possa peggiorare per voi in caso di pioggia?

"E' una cosa da capire, sul bagnato ci sono tante variabili. Dipende da quello che senti, da quanto riesci a spingere. In generale non spingi mai come fai sull’asciutto, non arrivi mai a quel limite. Quindi per questo potrebbe anche essere meno peggio per noi, ma si dovrebbe provare per capire, lo scopri solo così".

C'è la possibilità di mettere sui giusti binari questo weekend per te e la Suzuki?

"Penso che dobbiamo migliorare perché il distacco è troppo alto. Non è facile perché oggi ho messo la morbida alla fine ed ho provato a spingere tanto e il tempo che è venuto fuori è quello ed è troppo lontano dai primi. Però penso anche che - ha chiuso Andrea - se riusciamo a migliorare in frenata, soprattutto quando la moto è ancora dritta, questa potrebbe essere la chiave per fare un passo in avanti in questo weekend. Difficile da capire quanto possiamo migliorare, però mi auguro che ci riusciamo". 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti