Tu sei qui

MotoGP, il marziano Marquez preferisce la Terra

L'alieno della MotoGP scherza con l'astronauta Drew Feustel intervenuto in diretta durante la conferenza piloti a Silverstone

MotoGP: il marziano Marquez preferisce la Terra

La conferenza stampa piloti ha aperto il weekend MotoGP di Silverstone, vedendo la partecipazione tra gli altri del campione del mondo e leader di classifica Marc Marquez e di Cal Crutchlow, pilota di casa e fresco di firma per altri due anni con HRC.

Marquez, reduce da un secondo posto in Austria che l'ha lasciato decisamente con l'amaro in bocca, ha chiarito immediatamente quale sarà la sua attitudine in Inghilterra.

"Attaccare. La mia filosofia è questa, è il mio stile. Credo che l’attacco sia la miglior difesa - ha spiegato il campione spagnolo - Quella in Austria è stata un’ottima gara per noi, abbiamo accumulato punti importantissimi ed abbiamo lottato fino alla fine, è andato tutto alla grande. Adesso però ci dimentichiamo dell’Austria, siamo qui a Silverstone, una pista che è stata completamente riasfaltata".

Anche lo spagnolo è preoccupato dal meteo poco stabile in terra d'Albione.

"Le previsioni per il meteo sono abbastanza positive, ma siamo in Inghilterra e non si sa mai. Cercheremo di lavorare bene dal venerdì, di capire che livello di aderenza offra il nuovo asfalto e come lavorino le gomme. Cercheremo poi di andare forte sabato e magari vincere domenica, o almeno stare sul podio".

La Honda ha una massiccia presenza in Indonesia, dove raccoglie un enorme supporto di tifosi e dove il marchio è tra i più diffusi del mercato. Marc ha dunque manifestato la propria vicinanza alle vittime del recente terremoto che ha mietuto un numero impressionante di vittime.

"Sappiamo di avere tantissimi tifosi in Indonesia, la Honda è molto presente lì. So che c’è stata questa tragedia, sono morte più di cinquecento persone purtroppo. Io mando un messaggio di solidarietà a tutti loro. Siamo lontani fisicamente, ma siamo loro vicini con il cuore".

Lo spagnolo ha avuto l'opportunità, come tutti gli altri piloti intervenuti in conferenza,  di fare una domanda all'astronauta Drew Feustel collegato in diretta dalla stazione spaziale internazionale. L'astronauta si è dimostrato un ottimo conoscitore della MotoGP quando gli è stato chiesto dallo spagnolo quale fosse la sua pista preferita.

"Ce ne sono un paio - ha indicato Feustel in risposta a Marquez - una è Silverstone perché rappresenta lo sport motoristico in generale e spero che anche a voi piaccia tanto. Ma anche Brno per me è una pista speciale. Come spettatore è impressionante da vedere, non so come sia da gestire per i piloti con tutti quei saliscendi da pilota, ma sembra uno spettacolo autentico".

DREW FEUSTEL - STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE

Silverstone ha anche accolto la novità del contratto annunciato in mattinata tra Cal Crutchlow e la HRC, che lega il britannico alla Casa giapponese fino a tutto il 2020. Vero padrone di casa in Inghilterra, è stato lo stesso Cal a commentare la notizia in conferenza, esprimendo tutta la propria soddisfazione.

"Naturalmente è bellissimo correre qui a Silverstone per me. E’ il giorno perfetto  - ha spiegato Cal - per condividere la splendida notizia sul fatto che la HRC Honda continuerà a darmi il proprio sostegno e le loro moto ufficiali per altri due anni".

Partendo dall'accordo del 2015, saranno ben sei stagioni quelle corse in Honda LCR da parte di Cruthclow al termine del contratto. Un periodo che rende questo uno dei sodalizi più longevi e ricchi di soddisfazione del Paddock.

"Sei anni sono tanti e sono davvero felice anche perché la moto sta andando molto bene - ha sottolineato Crutchlow - e speriamo che su questa pista possiamo fare dei buoni risultati".

Il nuovo asfalto potrebbe aver cambiato le condizioni di aderenza a Silverstone, ma come ha affermato il pilota britannico, in Inghilterra sarà come sempre l'incognita meteo a poter scombinare le carte in tavola per le squadre.

"Come hanno detto tutti, il meteo potrebbe essere problematico - ha confermato Cal vedremo cosa succederà e proveremo a gestire la situazione. Domani sarà la giornata chiave per provare a impostare bene il lavoro in vista della gara. Mi sento bene, ho grande fiducia per questa gara".

Correre in Inghilterra potrebbe rappresentare una spinta in più per il pilota di casa, che tuttavia ha sottolineato quanto in realtà le motivazioni siano ben presenti su ogni tracciato.

"Certo che c’è una forte motivazione da parte dei fan qui, ma è forte ogni settimana su ogni pista. Altrimenti non sarei qui! Chiaramente è fantastico essere a casa ed avere tutto il sostegno dei tifosi a Silverstone è bellissimo. Questo tifo è anche andato in crescendo dal 2013, ho visto sempre il numero di tifosi presenti aumentare"

Nel nuovo contratto siglato con HRC, Cal ha la garanzia di avere un trattamento tecnico simile a quello dei piloti ufficiali, investito anche dell'onere/onore di partecipare allo sviluppo della moto.

"Volete sapere se ci sono clausole diverse in questo accordo? Chiedete a Lucio che è seduto lì! Il sostegno di Honda c’è sempre stato ed è sempre stato fantastico, non mi sono mai lamentato di quanto hanno dato a me e alla squadra.  Mi hanno costantemente fornito un’ottima moto. A volte c’è una priorità nel modo in cui vengono attribuite le parti nuove, ma il mio pacchetto è sempre ottimo. Se ci saranno parti in più, bene, ma di certo non posso lamentarmi dal momento in cui la moto che ho già è in grado di vincere. Non ci sono clausole particolari nel nuovo contratto, ho un accordo diretto con HRC ma corro per Lucio e loro preparano la moto nel miglior modo possibile. Non c'erano motivi per cambiare questa situazione".

Anche Crutchlow ha potuto fare alcune domande all'astronauta Drew Feustel, intervenuto in diretta dalla stazione spaziale internazionale. Come sempre, Cal si è distinto per la sua simpatia nel chiedere: "Sai esattamente a cosa diavolo servono tutti quei cavi lì dietro?".

Feustel gli ha risposto, con ironia, per le rime: "so poco di molto, che è meglio di sapere molto di poco. Come puoi immaginare, ci metterei troppo a spiegarti tutto. Ma basta sapere che c'è la squadra di Terra che ci aiuta a stare in traiettoria e non fare errori!".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti