Tu sei qui

Sicurezza: Yamaha brevetta l'airbag per scooter

Il sistema studiato dai tecnici di Iwata proteggerà sia il busto che le gambe del conducente in caso di impatto frontale

Moto - News: Sicurezza: Yamaha brevetta l'airbag per scooter

Share


Sicurezza che migliora. Quello degli airbag è un sistema che in campo moto è in continua evoluzione. Se lo consideriamo applicato al pilota, incorporato ai vari capi tecnici  che "dialogano" con la moto (vedi sistema D-Air di Dainese) la soluzione sembra già offrire buoni risultati, come visto anche negli incidenti che vedono coinvolti i piloti di MotoGP o SBK. Dove ancora si fa fatica è quando si decide di spostare il "sacco protettivo" dal corpo del pilota al mezzo che cavalca.

A differenza dell'auto, su una moto il conducente assume posizioni - in linea generale - poco favorevoli in caso di impatto o comunque di caduta, con dinamiche, legate anche alla posizione che si può assumere in sella, molto variabile. Un problema non da poco quando si cerca di attutire eventuali urti. Ma se sulle ruote alte l'argomento, al momento, appare ostico (anche se non mancano alcuni brevetti di Honda per la sua Goldwing in tal senso) sullo scooter l'airbag può assumere una maggiore valenza. 

Su uno scooter le condizioni a contorno offrono una migliore sponda per l'installazione ed efficacia dei "bags": la posizione in sella del pilota è molto più prevedibile ed è su questo concetto che Yamaha ha pensato e brevettato un sistema airbag ad hoc. Oltre a un airbag principale destinato a proteggere il busto del conducente in caso di un incidente, i tenici giapponesi hanno inserito una protezione anche per le ginocchia, una parte molto a rischio in caso di impatto frontale quando si viaggia in scooter.

Tuttavia è da specificare che al momento esiste solo la domanda di brevetto per questo sistema di airbag, ancora non si sa quando questa soluzione verrà applicata alla grande serie. Ma considerato il tipo di sistema e la tecnologia oggi disponibile non passerà molto tempo prima di vederne installati sui prossimi commuter urbani della casa di Iwata.

Articoli che potrebbero interessarti