Tu sei qui

BMW: calano le vendite nel primo semestre 2018

La prima metà del 2018 segna una flessione dell' 1,6% nelle consegne (-3,1% nel secondo trimestre). In discesa anche la produzione: -16.6%

News Prodotto: BMW: calano le vendite nel primo semestre 2018

Se Sparta piange Atene non ride. Se da un lato Ducati fa registrare una battuta d'arresto (da quanto riportano i dati dei primi sei mesi del 2018) anche per BMW la situazione sembra meno rosea che in passato.Il comparto moto della casa tedesca ha registrato un calo del 1,6% sulle consegne da gennaio a giugno 2018.
Se restringiamo il campo al secondo trimestre  vediamo che il trend è in ulteriore ribasso con un -3,1% nelle vendite in tutto il mondo. Dati che confermano una tendenza al ribasso del mercato per alcune aziende che puntano fortemente su prodotti di fascia premium e che si spera possa invertirsi con le registrazioni dei numeri a Dicembre.

Fa riflettere anche un altro dato, ed è quello relativo alla produzione: in questa prima parte del 2018 si è passati dalle 105.552 unità del 2017 alle attuali 88.008 e ciò si traduce in una contrazione del 16.6 %. Questo dato però può spiegarsi con l'imminente arrivo di una serie di nuovi modelli che saranno sui mercati nel 2019, con novità a tutto campo per BMW: dalla sportiva S 1000 RR ad una nuova generazione di modelli con motori boxer a fasatura variabile; oltre a novità che potrebbero interessare anche le piccole cilindrate con una possibile piccola sportiva che sfrutta la base della G 310. Come per altro confermato dallo stesso Nicolas Peter, capo delle operazioni finanziarie di BMW: " Il cambio di alcuni modelli con nuovi prodotti, ha probabilmente determinato una flessione nelle vendite, ma prevediamo, con l'arrivo delle novità, un lieve aumento delle consegne entro la fine dell'anno"

MALE IN GERMANIA, BENE IN USA - Da notare anche come il mercato dove il marchio dell'elica registra più difficoltà sia quello interno: in Germania il dato parla di un -18,8%  cioè 11.739 unità contro le 14.461 dello stesso periodo del 2017. Qualche pensiero arriva anche da Francia (9.068 a fronte delle 9.447 ed un -4%) e Italia (8.647 moto contro le precedenti 9.099: -5%). Dove si continua a crescere sono invece le piazze di USA e Spagna con rispettivi incrementi del 3.1% e 1.3%. In generale, nel Vecchio Continente si segnala una flessione del 7,9% (53.989 moto vendute contro le 58.617 dello stesso periodo del 2017).

Articoli che potrebbero interessarti