Tu sei qui

MotoGP, Rossi davanti alle Rosse nella FP3 di Brno

Il Dottore beffa nel finale Petrucci e Lorenzo, 4° Marquez, seguito da Iannone e Pedrosa, 7° Crutchlow, 10° Dovizioso, in Q1 Vinales 

MotoGP: Rossi davanti alle Rosse nella FP3 di Brno

Valentino Rossi all’attacco, proprio così! Non poteva aspettarsi di più il Dottore nel terzo turno di libere, dove all’ultimo tentativo disponibile ha estratto dal cilindro il crono di 1’55”175, ben nove decimi meglio in confronto alla prestazione di ieri pomeriggio di Pedrosa. Una prestazione che gli ha consentito di mettere in riga la concorrenza e sfruttare abilmente la scia di Andrea Dovizioso che lo precedeva nel corso dell’ultima tornata.

Il 46 manda quindi un messaggio chiaro agli avversari, in vista delle qualifiche pomeridiane. Se da una parte ci sono le certezze sul giro secco, dall’altra bisogna capire la sua competitività sul passo gara, dove Valentino si è concentrato sulla gomma dura all’anteriore e al posteriore.

Un interrogativo a cui il pesarese darà una risposta nel corso della FP4.  Per il momento non resta che godersi la prima posizione, davanti alle Ducati di Danilo Petrucci e Jorge Lorenzo. Per soli 86 millesimi il pilota di Terni si è dovuto accontentare del secondo posto, seguito a 65 millesimi dal maiorchino, anche lui in azione sulla pista ceca con la nuova aerodinamica sfoggiata ieri dal portacolori Pramac. Si registra invece un passo indietro per Andrea Dovizioso, rimasto nella top ten per soli 55 millesimi nei confronti di Maverick Vinales.

Turno amaro per lo spagnolo della Yamaha, costretto a passare dalla Q1, proprio come Aleix Espargarò, soltanto dodicesimo con l’Aprilia a poco più di sei decimi dalla vetta.   Tornando ai piani alti della classe, Marc Marquez si consola col quarto tempo, seguito a 41 millesimi dalla Suzuki di Andrea Iannone, poi la Honda di Dani Pedrosa. Alle spalle dello spagnolo compare un’altra Honda, ovvero quella di Cal Crutchlow. Nonostante una caduta, il portacolori LCR archivia la sessione col settimo tempo seguito dalla M1 di Zarco e la Ducati di Rabat. Quindicesimo Morbidelli.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti