Tu sei qui

Rea e Haslam fanno volare la Kawasaki a Suzuka 8 Ore

La coppia chiude al comando le libere del giovedì, rifilando quasi mezzo secondo alla Yamaha, attardata Honda HRC, soltanto decima 

SBK: Rea e Haslam fanno volare la Kawasaki a Suzuka 8 Ore

Il sipario si è finalmente alzato. Con le prove libere del giovedì, entra nel vivo il fine settimana della 8 Ore di Suzuka, tappa conclusiva della stagione 2017-2018 del Mondiale Endurance. Al termine dei primi tre turni di prove, la Kawasaki conferma quelle che sono le proprie qualità, chiudendo davanti a tutti. A  siglare il riferimento è Leon Haslam, che come ben sappiamo affiancherà Johnny Rea il prossimo anno nel Mondiale Superbike.

Il britannico ha infatti siglato il riferimento in 2’07”227, rivelandosi sette millesimi più veloce rispetto al Cannibale, con cui condividerà questo weekend il box assieme a Watanabe. Circa mezzo secondo il gap rifilato alla Yamaha, prima delle inseguitrici (+0.489). Nonostante la R1 abbia dominato le due sessioni precedenti, nell’ultima ha dovuto cedere alla superiorità della ZX-10RR. Alex Lowes, Michael van der Mark e Nakasuga rimangono però confortati dal prestazione sul passo gara, tanto da rivelarsi imprendibili.

Alle spalle della coppia di testa si inserisce poi la prima delle Honda, quella del team HARC-PRO, protagonista con Randy De Puniet (+1.152). Il francese aggancia la terza piazza, ma deve fare i conti con un gap dalla vetta che supera il secondo. Alle spalle della Fireblade la Suzuki del team Yoshimura, in azione con Sylvain Guintoli, che per l’occasione condividerà il box con Tsuda e la giovane promessa del BSB, Bradley Ray.

Tornando in casa Honda, non è stato un giovedì semplice per il team HRC, che torna alla 8 Ore di Suzuka dopo ben quindici anni. PJ Jacobsen, chiamato per l’occasione a sostituire l’infortunato Leon Camier, non è riuscito ad andare oltre il decimo tempo, incassando oltre due secondi e mezzo dalla Kawasaki di Haslam (+2.669). Volgendo invece lo sguardo alle squadre iscritte al Mondiale Endurance, la migliore si è rivelata Yamaha YART, tanto da conquistare il sesto tempo di giornata. Dodicesima GMT94 con Niccolò Canepa (+2.954), mentre due posizioni più arretrata FCC TSR, attuale leader del Campionato.     

Articoli che potrebbero interessarti