Tu sei qui

MotoGP, Crutchlow: le Ducati saranno veloci fino alla fine

Il pilota britannico punta sulle Rosse per la gara: “Se possono utilizzare le gomme morbide in gara, sarà difficile per tutti”

MotoGP: Crutchlow: le Ducati saranno veloci fino alla fine

Cal Crutchlow non è riuscito a centrare l’obiettivo che si era prefissato per le qualifiche del Sachsenring, e domani partirà in gara dalla terza fila. Il pilota del team LCR non cerca scuse e si prende ogni responsabilità per la prestazione opaca.

“Sono stato sbattuto fuori dalle prime due file perché ho fatto un errore – ha ammesso Crutchlow - sono entrato alla 8 troppo veloce. Poi ho mollato i freni presto perché mi sembrava di essere lento, e sono andato sul cordolo esterno perdendo un paio di decimi in uscita di curva. Con una classifica così corta, due decimi mi avrebbero permesso di stare in seconda fila e sarei stato molto più felice rispetto alla terza da cui partirò”.

Tutti parlano del consumo gomme, del probabile calo da metà gara. Come sei messo tu da questo punto di vista?

“Non so se qualcuno qui abbia fatto tutti e trenta giri su una gomma – ha spiegato Crutchlow - noi ci siamo andati vicini, ma se anche ne hai fatti 20, ne restano altri 10 in cui puoi perdere anche un secondo al giro o qualcosa di simile. Il problema è che noi possiamo utilizzare sia la morbida che la media al posteriore, e sono molto simili. La morbida è di certo la più veloce, ma la media forse potrebbe durare di più”.

Vedi qualcuno che potrebbe approfittare di questa situazione in vista della gara?

“La Ducati forse è la moto con più grip e se uno di loro sarà in grado di utilizzare la morbida in gara, penso che sarà difficile per gli altri. Non penso che loro accusino un calo delle gomme così elevato come quello di tutti gli altri – ha analizzato il pilota di Cecchinello -  soprattutto se correranno con le morbide. Probabilmente potranno mantenere lo stesso passo fino alla fine”.

Anche qui al Sachsenring tutti sono vicini, esattamente come accaduto ad Assen, che è poi stata teatro di una sfida davvero incredibile in gara

“Penso che anche qui sarà una grande battaglia, onestamente credo che ci possa essere una lotta tra almeno dieci piloti. Possiamo esserci anche noi, oggi siamo andati meglio rispetto a ieri, la moto funzionava beneha sottolineato Cal – dobbiamo capire domani come saremo messi sulla distanza di gara. Ma in una gara di gruppo, l’aspetto positivo è che gli altri possono tirarti dove sei lento”.

Questa Honda è la migliore moto al momento?

“Considerando che abbiamo grossi problemi a far girare la moto, qui abbiamo trovato un buon compromesso. Penso che io, Marc e Dani siamo diventati dei veri maestri a guidare sopra i problemi che abbiamo in curva. Come ci riusciamo? Correndo sempre col freno posteriore tirato”

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti