SBK, Tegola per Leon Camier: salta la 8 Ore di Suzuka

Il britannico costretto ad alzare bandiera bianca per una lieve frattura alle vertebre, HRC a caccia di un sostituto per il round di fine luglio 

Share


Mancano poco più di due settimane alla 8 Ore di Suzuka e per Honda si prospetta un’edizione tutta in salita. Già, perché la caduta rimediata martedì alla curva Hairpin da Leon Camier, si è rivelata più grave del previsto. Secondo quanto emerso da esami approfonditi, al pilota sono state rilevate delle piccole fessure nella colonna vertebrale, che a seguito dell’incidente di Aragon gli aveva procurato non pochi problemi.

Leon dovrà quindi osservare un periodo di riposo e di conseguenza sarà costretto a saltare il round conclusivo del Mondiale Endurance, in programma dal 27 al 29 luglio: “Mi dispiace davvero molto – ha dichiarato Camier – purtroppo ho subito una piccola frattura alla vertebra C5 e quindi non potrò gareggiare”.  A questo non resta che attenderlo per la tappa di metà settembre del Mondiale SBK a Magny-Cours. Di sicuro il 2018 non si sta rivelando un anno proprio semplice per il pilota britannico, che come ben ricordiamo è stato vittima di una grave incidente ad Aragon, tanto da costringerlo a saltare le tappe di Assen e Imola.

A questo punto il team HRC dovrà correre ai ripari per trovare un pilota da affiancare a Takumi Takahashi e Takaaki Nakagami. Il tempo incalza e non sarà certamente cosa semplice sostituire Leon. Forse potrebbe esserci un’opportunità per Stefan Bradl, uno che Suzuka la conosce bene. Ricordiamo infatti che lo scorso anno il tedesco fu chiamato per gareggiare con i colori FCC TSR. Il pilota prese parte ai test, ma alla vigilia della corsa alzò bandiera bianca causa infezione all’orecchio. Sarà questa la volta buona?   

Share

Articoli che potrebbero interessarti