Tu sei qui

SBK, SS600: Cortese subito in vetta a Brno nelle FP1

Il leader del Mondiale e la Yamaha battono Cluzel con la R6 del team Nerds, 3° Badovini su MV Agusta. 4° Mahias, 5° Caricasulo, 6° De Rosa 

SBK: SS600: Cortese subito in vetta a Brno nelle FP1

Share


Quando afferma di aver trovato la giusta dimensione nella Supersport 600, gli crediamo: Sandro Cortese – Campione Moto3 nel 2012 – dopo anni di Moto2 è approdato alle derivate, cogliendo subito soddisfazioni e successi; il suo miglior crono della mattinata (2’03”553) conferma che le due vittorie e la leadership del campionato non siano arrivate per caso.

Sandro conosce bene la pista di Brno e la Yamaha R6 resta ancora la moto da battere; ne è la riprova il secondo crono di Julies Cluzel, il francese del team Nerds, anch’egli due volte sul gradino più alto del podio in questa stagione e secondo in campionato con 95 punti. Il gap di Julies da Sandro è di 128 millesimi, sapete che significa? Domenica ci sarà tra i due un’altra aspra battaglia per la vittoria.

Molto bene (questo è il suo livello) Ayrton Badovini con la MV Agusta 675, terzo a nemmeno mezzo secondo dalla vetta; le linee veloci e rotonde che la pista ceca impone combaciano alla perfezione con lo stile del biellese, che predilige grandi velocità in curva e traiettorie perfette.

Lucas Mahias ha fermato il cronometro a circa sei decimi di ritardo da Cortese, con il quarto tempo; il francese – Campione del Mondo in carica – ultimamente sta soffrendo e, se vuole bissare il titolo 2017, domenica dovrà provare a vincere la seconda gara stagionale.

Quinto è Federico Caricasulo, compagno GRT di Mahias: il ravennate è sempre nella top five e spesso sul podio; manca la zampata finale, ma è nell’aria: non stupiamoci se proprio Brno diventasse il palcoscenico della prima affermazione 2018.

Sempre molto veloce e competitivo, Raffaele De Rosa inizia il weekend con un sesto tempo in sella alla MV numero 3; settimo il forte e giovane austriaco Thomas Gradinger, un rookie che fa spesso vedere di non trovarsi per caso nella top ten; Randy Krummenacher parte con un ottavo tempo ad un secondo ed otto decimi da Cortese: lo svizzero ha vinto una gara (in Thailandia) è stato grande protagonista in Olanda  offrendo una rimonta perentoria dall'ultimo posto sino al podio, ma alcuni errori costringono a recuperare terreno in classifica da "Sandrino".

In decima ed undicesima posizione troviamo le prime Kawasaki ZX6R, guidate da Anthony West e Sheridan Morais; l’australiano ed il sudafricano sono due ottimi conoscitori del saliscendi della Moravia.

Torna nel team CIA Landlord l’inglese Kyle Smith, autore dell’undicesimo crono con la Honda CBR; dopo di lui il compagno di squadra Andrew Irwin, fratello di Glenn Irwin, protagonista nel BSB con la Ducati e vincitore della classica stradale Northwest 200.

Dopo Robert Hartog – nipote di Wil – Luke Stapleford, da Donington passato da Triumph a Yamaha; diciassettesimo il campione europeo Soomer, diciottesimo Alex Baldolini, che torna in sella dopo un lungo stop.

In pista anche l’ungherese Molnar, che fa meglio del giapponese Okubo con la Ninja Puccetti; Luigi Morciano inizia a Brno con il crono numero 21, prima della Suzuki GSX-R del finlandese Lahti. Coppola e Canducci si trovano nei bassifondi della classifica, il loro weekend non può che migliorare.

Articoli che potrebbero interessarti