Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: voglio essere come Stoner per i tifosi Ducati

"Lavorerò perché i ducatisti mi ricordino per avere incarnato la loro filosofia. Entrai in Ducati come tester, ora sono un pilota di riferimento"

MotoGP: Petrucci: voglio essere come Stoner per i tifosi Ducati

La Ducati il prossimo anno parlerà solo italiano con Danilo Petrucci nel box ufficiale al fianco di Andrea Dovizioso. L’annuncio dell’arrivo del ternano al posto di Jorge Lorenzo è arrivato questa mattina in forma ufficiale. Il Petrux, ha raccontato la notizia con la consueta ironia intervistato nella trasmissione Tutti Convocati su Radio24: “quando ieri mi hanno informato ieri che sarebbe uscito oggi il comunicato, ero in mezzo alle montagne in bicicletta. Devo dire che dopo la fatica è stata più dolce”.

Danilo ha rivelato anche che “la stretta di mano c’è stata dopo la gara al Mugello” ma già dalla settimana prima aveva la quasi certezza di passare in rosso nel 2019. Un sogno che si realizza, certamente, ma anche una grande responsabilità.

Prometto di dare tutto quello che ho e di essere uno di quei piloti che i ducatisti ricorderanno per sempre come uno loro, incarnando la passione per Ducati. Penso a piloti come Stoner, Capirossi, Bayliss, lavorerò per essere fra loro” ha garantito Danilo.

La sua storia in Ducati è iniziata da molto lontano e Petrucci ha voluto raccontarla.

Sono entrato Ducati dall’ultimo gradino, come collaudatore per le moto di serie, e mano a mano, scalino dopo scalino, sono diventato uno dei due piloti di riferimento - le sue parole - È una bella storia e avendone passate tante in questi 4 anni con Dall’Igna, Ciabatti e Domenicali, ci tengo a ringraziarli prima come persone che come dirigenti”.

Per vestire la tuta rossa dovrà aspettare qualche mese, ma nelle 13 gare che rimangono vuole ripagare tutti della fiducia.

Una moto ufficiale già ce l’ho e da parte di Ducati c’è sempre stato impegno per permettermi di andare forte - ha sottolineato - Essere nella squadra ufficiale cambierà qualcosa, anche se il team Pramac è molto competitivo. Al momento mi piacerebbe finire la stagione lottando tra i primi 5, per poi cominciare una nuova fase della mia carriera”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti