Tu sei qui

SBK, Aprilia, che grattacapo! A rischio il Mondiale 2019

Shan Muir di Milwaukee parla chiaro: "Disposti a continuare solo con moto, materiale tecnico e ingegneri a costo zero"

SBK: Aprilia, che grattacapo! A rischio il Mondiale 2019

Share


Non siamo nemmeno a metà stagione, che lo sguardo è già rivolto al 2019. Se da una parte c’è il mercato piloti a tenere banco, dall’altra resta da capire quali team prenderanno parte al prossimo Campionato. In una griglia ormai ridotta ai minimi storici, complice anche le vicende giudiziarie che hanno coinvolto la squadra di Grillini, il rischio è che un altro team possa non presentarsi ai blocchi di partenza.

Si tratta di Milwaukee, squadra di riferimento di Aprilia nelle derivate. Secondo quanto riportato da Speedweek, il responsabile Shan Muir ha respinto la proposta della Casa di Noale, tanto da aver dichiarato senza troppi giri di parole: “Alle condizioni attuali per noi sarà impossibile andare avanti”. L’ex pilota spiega infatti qual è il problema principale e in seguito le condizioni per proseguire l’avventura: “Ci piacerebbe continuare, ma solo se avremo moto, materiale tecnico e assistenza dei loro ingegneri in modo gratuito – ha avvisato – mentre noi ci occuperemo dei piloti e della logistica. Credo che sia una proposta corretta”.

Muir non si nasconde, tracciando a suo parere la strada da seguire: “Personalmente mi piacerebbe creare un rapporto con Noale come quello che lega Kawasaki con Provec – ha svelato – penso sia lo soluzione migliore”. Qualora fosse necessario, il numero di Milwaukee ha fatto sapere che si rivolgerà a Dorna per arrivare a un accordo: “Parlerò con l’organizzatore del Campionato – ha commentato – qualora non dovessimo essere presenti nella prossima stagione, il Mondiale si troverebbe con una squadra in meno e due piloti in meno sullo schieramento. La mia idea non è quella di lasciare, nonostante i risultati negativi degli ultimi anni, ma alla condizioni attuale diventa praticamente impossibile garantire la nostra permanenza”.

Oltre ad Aprilia, Muir aveva anche valutato la possibilità di partecipare al Mondiale 2019 con la Suzuki, alla fine tutto si è concluso in una bolla di sapone: “L’obiettivo di Suzuki è concentrarsi esclusivamente sulla MotoGP – ha concluso il manager – di conseguenza la pista legata alla Superbike non è percorribile”. Arrivati a questo punto non resta che aggrapparsi alla speranza di un accordo tra Aprilia e Milwaukee facendo affidamento sull’intervento di Dorna. Di sicuro l’organizzatore non vorrà perdere un'altra squadra in Campionato già ridotto ai minimi storici.    

Articoli che potrebbero interessarti