Tu sei qui

MotoGP, Rossi: Le Mans pista amica ma non faccio previsioni

"Difficile sapere quale sarà il nostro livello rispetto a quello dei rivali". Vinales: "l'anno scorso in Francia vinsi, spero di potermi ripetere"

MotoGP: Rossi: Le Mans pista amica ma non faccio previsioni


Lo scorso anno a Le Mans, fino a poche curve dalla fine, c’erano tre M1 davanti a tutti nel Gran Premio francese. La scivolata di Valentino fu l’unica nota negativa di una domenica in cui tutto girò alla perfezione per la Yamaha. In dodici mesi, però, sono successe molte cose e difficilmente la moto di Iwata potrà ripetere quel dominio.

Dopo le fatiche di Jerez, i test in Spagna e al Mugello sono stati utili per avere conferme sui problemi della M1, ma hanno anche dato la certezza che non basterà qualche giorno per risolverli. In questo momento, quindi, Rossi e Vinales devono essere bravi a sfruttare ogni occasione e la gara a Le Mans potrebbe essere una di quelle.

Il Dottore, nella sola classe regina, ha messo 3 vittoria, 6 secondi posti e 3 terzi nel suo paniere sulla pista della Loira.

Sono felice di andare in Francia perché sulla carta dovremmo essere veloce a Le Mans, di solito la Yamaha funziona bene su quella pista - la sua speranza -Penso che in questo momento sia difficile fare previsioni, i nostri rivali sono forti e dovremo scoprire quale sarà il nostro potenziale”.

Nonostante questo, c’è spazio per un pizzico di ottimismo nella testa di Valentino.

Mi aspetto di essere un po’ più competitivo di quanto lo sia stato precedenti Gran Premi, ma non so quale sarà il nostro livello rispetto ai nostri avversari - continua - Sarà interessate scoprirlo. Certamente io e i miei ragazzi daremo del nostro meglio come sempre”.

Una promessa che fa anche Maverick Vinales, anche lui alle prese con una M1 non al livello della migliore concorrenza. Lo spagnolo sembra però avere ritrovato un po’ di serenità dopo le prove della scorsa settimana.

La gara di Jerez è stata ancora una volta difficile per noi. Fortunatamente, i test della scorsa settimana sono stati buoni - sottolinea - Siamo molto vicini a trovare l’assetto ideale per me, perciò vado a Le Mans pensando positivo”.

E riportando alla mente il successo del 2017.

“Ho veramente dei bei ricordi legati alla mia vittoria con la Yamaha lo scorso anno, perciò spero che saremo in grado di ripeterci - afferma - Le Mans è una buona pista per noi, si adatta al mio stile di guida e penso potremo fare veramente un buon lavoro”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti