Tu sei qui

MotoGP, Crutchlow: voglio finire la carriera in MotoAmerica

Cal confessa di volere correre nella SBK USA: "ho detto ai ragazzi della Honda di fare un team ufficiale. Vorrei vincere anche a Daytona"

MotoGP: Crutchlow: voglio finire la carriera in MotoAmerica

Cal Crutchlow iniziò la sua carriera nelle derivate di serie e vorrebbe finirla nello stesso modo: in SBK. Lo ha rivelato al sito Cycle World parlando del suo futuro. Il pilota britannico ha avuto la soddisfazione di guidare il campionato MotoGP fra l’Argentina e il Texas e sta pensando anche al suo futuro più remoto. Il piano è quello di correre nel campionato MotoAmerica.

L’ho già detto ai ragazzi di Honda negli Stati Uniti: assicuratevi di mettere in piedi una squadra ufficiale perché voglio farne parte. È la verità, quello che voglio fare - ha dichiarato - Voglio andare a vivere in America e continuare a correre. I circuiti americani sono difficili, sporchi, pieni di buche, simili a quelli da cui arrivo, come Oulton Park o Cadwell Park”.

Cal pensa quindi di inseguire il suo sogno americano e, oltre al campionato nazionale, c’è anche un’altra gara che lo affascina molto: la 200 miglia di Daytona, ho sempre voluto vincerla” confessa.

Non sarebbe il primo pilota che subisce il fascino della serie organizzata da Wayne Rainey, Toni Elias lo scorso anno ha vinto il campionato MotoAmerica in SBK e anche il nostro Claudio Corti ha corso per una stagione nella classe Superstock.

Mi piace quel tipo di gare, voglio farle - ha continuato Crutchlow - Ho vinto delle gare in tutti i campionati in cui ho corso e il mio piano è riuscirci anche nel campionato MotoAmerica”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti