SBK, Assen: brilla van der Mark, sorprende Rinaldi

FP3 - L'olandese davanti a tutti il venerdì, strepitoso il giovane Rinaldi, terzo in scia a Melandri e davanti a Jonathan Rea

Share


Nel terzo turno di prove libere del venerdì brilla la stella color dei tulipani di Michael VD Mark. L'olandese della Yamaha chiude davanti a tutti in classifica di FP3 siglando il crono di 1'35.156. Dopo i primi due turni di giornata che hanno visto un determinato Jonathan Rea fare meglio di tutti su uno dei terreni di battaglia a lui preferiti, il terzo turno di libere sul van Drenthe ha regalato il guizzo della Yamaha R1 numero 60. VD Mark sfrutta il fattore casalingo e la doti ciclistiche della Yamaha per mettere lo scarico della sua R1 davanti al cupolino della Ducati Aruba di un Marco Melandri. Marco dal canto suo ha mostrato una buona progressione nei tempi sul giro, scalando mano mano posizioni dalla mattina e chiudendo in 1'35.399 a 0.243 dal capo classifica.

Terzo tempo per la sorpresa di giornata: alla sua seconda uscita nel Mondiale il giovane Michael Ruben Rinaldi, con la terza Ducati Aruba.it, ferma il cronometro sul tempo di 1'35.518 facendo meglio di sua maestà Jonathan Rea. C'è da dire però che il Campione del Mondo, quarto nella combinata, abbia lavorato in ottica gara inanellando diversi passaggi sotto il tempo di 1.36", e facendo meglio di tutti sulla costanza del passo. Ciò non toglie che comunque per Gara 1 le sorprese non possano accadere. Molta curiosità dunque per quello che metteranno in campo i primi 3 (soprattutto le Ducati di Melandri e Rinaldi), senza però dimenticare Sykes. Per Tom (sesto nella combinata a +0.552 decimi da VD Mark), anche un lavoro sulla distanza (le due Ninja sono le uniche a non aver migliorato i riferimenti tra le posizione di vertice), arrivando anche lui a raggiungere un buon passo e quindi per domani sarà un errore non considerarlo della partita.

Ci sarà attesa ovviamente anche per quello che riuscirà a fare Chaz Davies. Il gallese (+0.626) fino a questo momento è apparso un po' arrancare con la sua Panigale R, non riuscendo a fare meglio di un ottavo tempo chiudendo con il crono di 1'35.782. Appare un po' ridimensionato Lorenzo Savadori che dopo un guizzo in FP2 - dove aveva tolto più di un secondo al suo tempo in FP1 -  chiusa in quinta posizione arretra in questa terza tornata di prove, migliorando comunque di due decimi, ma fermando le lancette a 0.794 dalla vetta e con il nono tempo finale. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti