Tu sei qui

MotoGP, Ippolito: "Marquez-Rossi, basta fomentare gli animi dei tifosi"

"Adesso è arrivato il momento di calmarsi. Stiamo perfezionando il codice, in modo da far sentire ai piloti che sopra di loro c'è un'autorità" 

MotoGP: Ippolito: "Marquez-Rossi, basta fomentare gli animi dei tifosi"

Chi si aspettava di vedere un confronto tra Rossi e Marquez nella conferenza stampa del giovedì rimarrà presto deluso. Nessuno dei due piloti sarà infatti presente, dal momento che il 93 incontrerà i media alle 18:30, mentre il Dottore alle 21:30. Dovremo quindi attendere le 16:55 italiane di venerdì, quando i due scenderanno in pista per il primo turno di libere della classe regina.

Di sicuro ad Austin non mancherà la tensione, ancora di più dopo le ultime dichiarazioni rilasciate dallo spagnolo e il post apparso su Isntagram sulla pagina del nove volte iridato. Sull’accaduto è tornato Vito Ippolito: “Non ci è piaciuto che Marc abbia detto che continuerà a guidare come ha sempre fatto – ha dichiarato il Presidente della FIM in un’intervista rilasciata oggi al Corriere dello Sport – così come non ci è piaciuto quel post sui social di Valentino in cui ha scritto 'una gara difficile distrutta da un pilota pericoloso'. Non bisogna fomentare gli animi dei tifosi. Si devono calmare tutti e due”.

Ippolito lancia quindi un messaggio ben chiaro ai due Campioni e allo stesso tempo guarda al futuro: “Stiamo lavorando per perfezionare il codice – ha svelato il Presidente della FIM – in modo da far sentire ai piloti che sopra di loro c'è una autorità. Non devono sentirsi abbandonati a loro stessi”. Tra l’altro in passato il numero uno della FIM è stato il primo puntare il dito contro la patente a punti: “Sono stato io a battermi affinché fosse abolita – ha sottolineato – come ricorderete costò la partenza dall'ultima fila a Valencia a Rossi. Per un meccanismo automatico raggiunti i 4 punti fu costretto a pagare nell'ultima gara di campionato – ha spiegato - la realtà è che sarebbe stato meglio dargli un ride through in Malesia. Quella norma deresponsabilizza il giudice con punizioni automatiche. Tipo la patente a punti automobilistica. Ma il nostro è uno sport, ed il giudice deve decidere caso per caso”.

Intanto nel fine settimana le moto torneranno ad accendere i motori, ma Ippolito non sarà presente al round a stelle e strisce come qualcuno auspicava: “Sono in continuo contatto con i responsabili della FIM e con Carmelo Ezpeleta  - ha concluso - se necessario parteciperò alle discussioni”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti