Tu sei qui

SBK, FP1: solo Rea meglio di Melandri al Motorland, 4° Rinaldi

Su pista bagnata, il Cannibale beffa Marco all'ultimo minuto, terza la Honda di Camier prima del campione Superstock. 11° Davies, 17° Giugliano

SBK: FP1: solo Rea meglio di Melandri al Motorland, 4° Rinaldi

Share


Dopo tappe oceaniche ed asiatiche, la Superbike torna nel Vecchio Continente, sulla pista Motorland di Aragon, situata in un deserto dove fa freddo spesso, ma non molto volentieri per i piloti e gli addetti ai lavori... la tre giorni spagnola inizia con acqua dal cielo ed una temperatura dell'aria davvero bassa.

Chissà se il famoso detto “quando si rientrerà in Europa, i valori in campo torneranno ad essere quelli reali” potrà ripetere la propria tradizione?! Nel frattempo, sì: miglior tempo per Johnny Rea e la sua Kawasaki ZX10RR, modificata ripetutamente ed adattata al nuovo regolamento dalle sessioni prestagionali ad oggi; con il crono di 2’02”298 è il nordirlandese Campione 3 volte a comandare il gruppo, grazie anche alla sua dote di equilibrista anfibio, su un asfalto ancora bagnato e poco gommato dopo la pioggia caduta sino alle 9 del mattino.

Parte bene il weekend di Marco Melandri, secondo con la Panigale R del team Aruba: il ravennate ha un ritardo da Rea di circa sei decimi ed una velocità di punta di 4 chilometri orari più alta fatta registrare nel rettilineo opposto a quello dei box.

Leon Camier è stato in testa sino a pochi istanti dalla fine, per poi concludere con il terzo tempo in classifica; il team RedBull ha messo a disposizione del britannico una Fireblade SP2 davvero migliorata – rispetto allo scorso anno – e Leon sa come girare la manopola destra, quella del gas. Un podio su questa pista non rappresenta una chimera per lui e per il team.

Eccellente ritorno in pista quello di Michael Ruben Rinaldi, campione in carica Superstock 1000; l’italiano correrà i round europei della serie ed il suo inizio – quarto crono ad otto decimi abbondanti da Rea – promette grandi cose.

Michael Van Der Mark ha il quinto tempo con la Yamaha R1, Tom Sykes il sesto sulla Ninja ufficiale; settima prestazione per Loris Baz con la BMW Althea che, dopo l’infortunio di Phillip Island, sta ritrovando la piena forma.

Ottavo – per ora – Xavi Fores con la Ducati Barni; lo spagnolo qui è uno dei favoriti, essendo il pilota di casa e la sorpresa di questo inizio di stagione. Decimo tempo per Lorenzo Savadori sulla RSV4 Milwaukee, preceduto dalla Yamaha di Alex Lowes e meglio di Chaz Davies con la Ducati ufficiale: anche ad Aragon il gallese parte a toni bassi nelle FP1.

Dalla dodicesima alla quattordicesima posizione ci sono 4 piloti di lingua spagnola: l’argentino Mercado con la Kawasaki, la MV Agusta di Torrese, e le due Ninja “indipendenti” guidate da Hernandez e Ramos.

Dopo l’americano Gagne con la seconda Honda RedBull, ecco il ritorno di Davide Giugliano, diciassettesimo sulla Aprilia del titolare infortunato Eugene Laverty: il romano non correva ufficialmente dal finale dello scorso anno, quando concluse il campionato con la Honda CBR. Diciottesimo tempo per la wild card russa Vladimir Leonov, prima di Jacobsen e Jezek. Fuori dal 107% utile il turco Razgatlioglu.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti