Tu sei qui

MotoAmerica 2018: tutti a caccia di Toni Elias

La serie USA parte questo weekend sulla pista di Road Atlanta. Riuscirà lo spagnolo a bissare il titolo con la sua Suzuki GSX-R?

MotoAmerica: MotoAmerica 2018: tutti a caccia di Toni Elias

Finalmente, ci siamo: ancora poche ore – dal sito ufficiale potete vedere il conto alla rovescia esatto – ed i protagonisti MotoAmerica daranno inizio alle ostilità ufficiali 2018.

Oddio, non che durante i test invernali Toni Elias, Cameron Beaubier, Garrett Gerloff e compagnia bella si siano scambiati complimenti e biglietti di auguri; ma il campionato, quello che darà punti in palio, trofei, denaro e titolo, inizia questo weekend sulla pista di Road Atlanta, un saliscendi mozzafiato davvero selettivo, perchè ricco di curvoni veloci, ciechi ed in contropendenza. Da pelo vero, insomma. 

Il numero 1 (quello reale, che ha voluto tale tabella sulla sua Suzuki GSX-R per dirlo a tutti) Toni Elias difende il campionato conquistato lo scorso anno, durante il quale ha dovuto battagliare soprattutto con il californiano Cameron Beaubier, vincitore di due edizioni. In USA lo spagnolo ha trovato una nuova linfa ed un team Yoshimura ufficiale in tutto per tutto: e si inizia su una delle mie pista preferite” ha avvisato il campione.

Oltre a Beaubier, ci proverà Garrett Gerloff ad infastidire Elias, sempre con la R1 del team Monster Energy/Yamalube. Compagno di squadra di Toni, ecco Roger Lee Hayden, a disporre dello stesso mezzo e delle medesime ambizioni: vincere.

Oltre a questi 4, dovremo tenere d’occhio ragazzi come Cameron Petersen con la Honda, Mathew Scholtz, sudafricano e velocissimo, Jake Lewis, un ragazzo già forte in Superstock, Danny Eslick con la BMW e Josh Herrin, un nome visto anche nella Moto2. Ci sarà anche la Kawasaki ZX10RR, con David Anthony pronto ad inserirsi tra i migliori.

Oltre alla Superbike, in Georgia scenderanno in pista la Supersport, nella quale Hayden Gillim su R6 sembra il favorito, sempre che JD Beach sulla stessa moto e Valentine Debise con la Suzuki siano d'accordo.

In pista anche la nuova nata Stock 1000, con un regolamento più vicino alla serie, la Twins Cup e la Liqui Moly Junior per i giovanissimi.

Quella di Road Atlanta sarà il primo di 10 round accesissimi; nella tappa di Austin i piloti MotoAmerica divideranno il paddock coi protagonisti del Motomondiale, a Laguna Seca i box ed il Cavatappi vedranno anche i ragazzi del World Superbike e, come piace dire agli americani: "tutto è pronto per il Rock and Roll".

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy