Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "Questo risultato mi riporta alla realtà"

"Rimanere in pista con gomma slick sarebbe stato pericoloso, potevo finire a terra e farmi male. Miller ha rischiato, ma ha avuto ragione"

MotoGP: Marquez: "Questo risultato mi riporta alla realtà"

La pole sembrava scritta, invece le condizioni del tracciato di Rio Hondo hanno mandato in fumo i piani di Marc Marquez, a tal punto da doversi accontentare del sesto posto sullo schieramento. Alzi la mani chi ci avrebbe scommesso! Probabilmente nessuno, anche se Marc preferisce guardare il bicchiere mezzo pieno.

Dispiace non essere in pole, ma la sesta posizione è comunque positiva e domani vedremo come comportarci – ha esordito il 93 – durante la giornata siamo riusciti ad essere competitivi nelle libere e per certi versi le condizioni della pista erano più o meno le stesse dello scorso anno”.

Quando però l’asfalto ha iniziato ad asciugarsi per tutti i piloti è stato un interrogativo.

Con la pista completamente bagnata mi sentivo bene – ha ricordato Marc – poi nelle qualifiche era necessario fare attenzione ed essere precisi. Personalmente speravo di essere più avanti sullo schieramento, ma cercherò comunque di fare una buona partenza”.

Nonostante la prestazione, Marc resta il favorito, ma lui preferisce tenere i piedi ben ancorati a terra.

“Questo risultato odierno mi fa tornare alla realtà – ha detto il 93 – non credo di essere il favorito per la corsa, cercherò quindi di rimanere più attento e concentrato con l’obiettivo di portare a casa un buon risultato. Ovviamente faccio i complimenti ha Jack, la sua strategia è stata rischiosa, ma alla fine ha avuto ragione”.

Anche lui come Miller ha deciso ad un certo punto di affidarsi alla gomma slick. Poi ha cambiato idea optando per la rain.   

Sapevo che con le slick sarebbero stati necessari diversi giri per trovare la fiducia –ha ammesso Marc  - il fatto è che in quel momento la situazione era rischiosa,  potevo infatti finire a terra e farmi davvero male in quelle condizioni. La curva sette e la otto erano particolarmente critiche a causa dell’acqua– ha ricordato – ovviamente se si fosse trattato di una gara non avrei cambiato lo pneumatico”.

Adesso i riflettori sono puntati alla gara dove per Marc il copione è ancora tutto da scrivere.  

È davvero difficile sbilanciarsi – ha detto il 93 – sul bagnato Perdrosa e Zarco hanno dimostrato di essere veloci, ma lo stesso discorso vale anche per Cal. Io spero che ci sia asciutto o bagnato – ha concluso - in caso di pioggia credo che quasi tutti partiranno con la media, sull’asciutto non saprei, soprattutto per quanto riguarda la posteriore”.

                

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti