SBK, Sofuoglu rinuncia a correre in Thailandia

Il turco, dopo la caduta di Phillip Island, è costretto a dare forfait. Al suo posto sulla Kawasaki Puccetti il malese Azlan Shah 

Share


Questa volta, anche uno come lui è costretto a sventolare bandiera bianca.

L’infortunio rimediato nel primo round di Phillip Island – dove è lo ha visto volare via malamente ad una velocità supersonica nelle prove – ferma Kenan Sofuoglu, che non prenderà il via della gara thailandese.

Il turco del team Kawasaki Puccetti, si è sottoposto ad accurati controlli medici in patria, e lo staff che lo segue ha costatato che il pluricampione Supersport soffra ancora dei postumi dal brutto incidente di Magny Cours 2017; la caduta australiana ha ulteriormente complicato le cose. Il suo inizio 2018 è decisamente in salita.

A Buriram difenderà i colori del team reggiano Azlan Shah, pilota della Malesia di 33 anni, che affiancherà il giapponese Okubo con la ZX6-R. La squadra sarà comunque al completo, seppur privata della sua prima punta. 

Ovviamente, Sofuoglu – combattente di razza quale è – non è contento del suo forfait: “dopo la botta in Australia, ho iniziato a patire dolore dove già mi ero fatto male lo scorso anno – ha spiegato Kenan – i dottori mi hanno avvisato: qualora dovessi picchiare forte nella stessa zona del corpo già offesa, le conseguenze sarebbero ulteriormente gravi e peggiorative, anche per la mia vita futura. Le mie ossa non sono guarite perfettamente”.

Azian, dal canto suo, non può far altro che impegnarsi al massimo: “ringrazio Kawasaki ed il team Puccetti per l’opportunità – ha dichiarato – sono molto contento e proverò a fare del mio meglio a Buriram”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti