MotoGP, Vinales: con la M1 ho ritrovato le sensazioni di un anno fa

"Prendere una strada diversa rispetto a Rossi è stato intelligente, ho perso tre mesi per trovare un assetto che mi rendesse competitivo"

Share


Quella di Losail è stata una gara tutta alla rincorsa per Maverick Vinales. Nonostante la dodicesima casella in griglia, l’alfiere Yamaha è emerso sulla lunga distanza, recuperando terreno e arrivando al sesto posto. Soltanto 67 millesimi l’hanno separato dalla quinta piazza di Danilo Petrucci.

“Sono molto felice per questo risultato dopo aver perso tre mesi alla ricerca di un assetto che mi rendesse competitivo – ha esordito lo spagnolo - bisogna ancora migliorare alcuni aspetti della M1, come l’uscita di curva, però rimango soddisfatto per questa domenica”.

I segnali incoraggianti li ha avuti a partire da ieri lo spagnolo.

“Nella FP4 mi sono trovato bene con le gomme usate, dimostrando di avere il giusto ritmo – ha ricordato - soprattutto nel finale della gara mi sentivo forte e pronto ad attaccare. Erano tre mesi che non riuscivo a guidare col mio stile, infatti non condividevo più di tanto la strada imboccata da Yamaha. Ora la situazione è migliorata, dato che prima non riuscivo a guidare la moto”.

Come ben sappiamo, Maverick ha preso una direzione opposta a quella di Rossi.

"Esatto - ha confermato - preferisco una sospensione più dura all'anteriore rispetto a Rossi, dato che sono un pilota che sforza molto all'anteriore. Credo sia stata una scelta intelligente, che ci ha permesso di ritrovare competitività".

Dal suo volto trapela quindi grande soddisfazione. 

Diciamo che le sensazioni sono simili a quelli che avvertivo un anno fa e soprattutto meglio rispetto ai test – ha ribadito - era da tanto tempo che non mi sentivo così forte in sella alla M1”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti