Tu sei qui

SBK, Bayliss, 48 anni e non sentirli: 3° in qualifica a Phillip Island

Nelle prove dell'Australian Superbike il pilota di Taree impressiona tutti, conquistando la prima fila in sella alla Ducati Panigale

SBK: Bayliss, 48 anni e non sentirli: 3° in qualifica a Phillip Island

Alla faccia dei 48 anni! Un ritorno in grande stile nelle competizioni quello di Troy Bayliss, che questo fine settimana sarà impegnato nel round dell’ASBK Australian Superbike, in programma sul tracciato di Phillip Island assieme al Mondiale.

In attesa delle tre gare del weekend, che scatteranno domani, il pilota di Taree ha impressionato nella qualifica del venerdì, centrando un memorabile terzo crono con il tempo di 1’45”093 (+1.417). Una prestazione che gli vale quindi la prima fila sulla griglia di partenza: “Sono molto entusiasta per questa prestazione – ha commentato il campionissimo – c’è una gran bagarre come mi aspettavo, però mi sto divertendo”.

E pensare che già ieri il tre volte Campione del Mondo aveva mandato un segnale ben chiaro alla concorrenza, strappando il secondo tempo nella sessione di libere. Nella notte italiana è giunta poi la conferma di quello che è il suo potenziale.

In sella alla Panigale 1299 Final Edition con gomme Pirelli, Troy ha però dovuto fare i conti con la superiorità in qualifica del campione in carica Josh Waters (Suzuki), capace di prendersi la pole grazie al crono di 1’43”676. In mezzo ai due rivali c’è poi spazio per la Yamaha R1 di Wayne Maxwell (+0.928), quest’ultimo staccato di quasi un secondo dalla vetta.

Che dire: gli anni passano, ma Bayliss continua a dare del gas e a far brillare la propria stella, in pista e anche fuori. Ricordiamo che un anno fa seguì il figlio Oli nel debutto nell’Australian SuperSport. Adesso anche lui non ha saputo resistere al richiamo della pista e delle due ruote.    

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy