Tu sei qui

SBK, Pirelli: per la tre giorni di Phillip Island due novità rispetto ai test

Ecco tutte le soluzioni che porterà in pista la Casa in vista della prova d'apertura del Mondiale Superbike

SBK: Pirelli: per la tre giorni di Phillip Island due novità rispetto ai test

Il sipario è pronto ad alzarsi. Archiviata la due giorni di test, a Phillip Island è tutto pronto per il primo round stagionale del Mondiale Superbike, che scatterà nella notte tra giovedì e venerdì. Come da tradizione al round australiano saranno presenti soltanto la classe regina e la Supersport. Un impegno di peso inferiore per Pirelli, vista l’assenza di Stock1000 e Sport300, le quali accenderanno i motori soltanto a partire da Aragon.

Ecco quale sarà il contributo in pista da parte della Casa con la P lunga.

Le soluzioni di gara per la classe WorldSBK

Per il fine settimana di gara le opzioni a disposizione dei piloti sono quelle provate nelle giornate di test con l’aggiunta di due ulteriori soluzioni, una per l’anteriore e una per il posteriore.

In totale le soluzioni slick a cui i piloti potranno attingere saranno sette, quattro anteriori e tre posteriori, oltre al pneumatico super morbido da qualifica che può essere utilizzato solo nella seconda sessione di Superpole®.

All’anteriore, oltre alle SC1 (morbida) e SC2 (media) di gamma sarà presente la SC1 di sviluppo V0952 già utilizzata dai piloti nel 2017 ad Aragón, Assen, Imola, Donington, Misano, Laguna Seca, Lausitzring, Portimão, Magny-Cours, Jerez e Losail e che utilizza la stessa mescola della SC1 di gamma ma presenta differenti soluzioni strutturali. Oltre a queste tre soluzioni che sono state messe a disposizione dei piloti anche nel corso dei test ci sarà una quarta opzione, la SC1 di sviluppo W0746, in mescola ancora più morbida della SC1 di gamma e che dovrebbe garantire un elevato livello di grip all'anteriore.

Per quanto riguarda le opzioni per il posteriore, nel corso dei test i piloti hanno potuto utilizzare la SC1 di sviluppo V0965, già riferimento di gara nel 2017 in cui è stata utilizzata da tutti i piloti, e la W1049, una nuova soluzione di sviluppo sempre in mescola media ma in misura maggiorata 200/65. Questa soluzione utilizza la stessa mescola della V0965 ma un diametro maggiorato e soluzioni strutturali progettate per mantenere temperature d'esercizio più basse. La terza opzione, non presente nei test, è rappresentata dalla SC1 di sviluppo W1046, che utilizza la stessa mescola dell'opzione V0965 ma una carcassa differente nel tentativo di contenere le temperature d'esercizio.

Le soluzioni di gara per la classe WorldSSP

Anche i piloti della classe WorldSSP potranno contare su un totale di sette soluzioni, quattro anteriori e tre posteriori, in questo caso con pneumatici intagliati.

All’anteriore alle SC1 e SC2 di gamma si affiancano la SC1 di sviluppo W0378, che utilizza la stessa mescola della SC1 di gamma ma con un diverso processo costruttivo di disposizione della mescola sulla carcassa e, come quarta opzione non presente ai test, la SC1 di sviluppo V1267, che utilizza la mescola della SC1 di gamma del prodotto slick ma con un diverso processo costruttivo.

Per il posteriore come alternative alla SC1 di sviluppo U1149, riferimento di gara 2017che presenta una una mescola in grado di garantire maggiore stabilità in presenza di temperature particolarmente elevate, saranno presenti le SC1 di sviluppo W0743 e W1048, quest’ultima non presente nel corso dei test. Tutte e tre le soluzioni posteriori si presentano in misura maggiorata 190/60 rispetto alla standard 180/60.    

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti