MotoGP, Crutchlow: abbiamo trovato quello che mancava

Primo tempo per Cal nonostante il jet-lag: "ho dormito solo un paio d'ore, ma la moto ha più aspetti positivi e riesco a sfruttarli"

Share


Non è una brutta giornata, soprattutto se penso che non avevo mai messo piede prima in questa pista”. Cal Crutchlow commenta il primo posto a Buriram con la consueta ironia. Il pilota del team LCR, che sta portando avanti lo sviluppo della RC213V insieme a Marquez e Pedrosa, si è tolto una bella soddisfazione terminando la prima giornata davanti a tutti.

Già in Malesia avevo guidato bene e ho continuato a farlo qui - ha spiegato - Gli ingegneri hanno lavorato bene nell’inverno, se l’anno scorso mancava alla moto qualcosa ora l’abbiamo trovato”.

Non è stato uno stravolgimento, ma un lavoro di affinamento che sta dando i suoi frutti.

Mi sento molto bene sulla moto in questo momento - ha continuato Cal - Fondamentalmente le sensazioni sono le stesse dello scorso anno, ma ora abbiamo più aspetti positivi ed è un bene essere un grado di trarne vantaggio”.

Il lavoro però non è finito, anzi i test invernali non sono neppure a metà.

Voglio continuare a impegnarmi nei prossimi due giorni - ha affermato - In verità oggi non mi sentivo troppo bene, di solito non soffro il jet-lag, ma la scorsa notte non riuscivo a dormire, mi sono addormentato alle 5 e dopo un paio di ore stavo andando in pista. Spero di riposarmi questa notte e continuare a fare un buon lavoro”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti