Tu sei qui

MotoE: la rivoluzione elettrica è già iniziata

Prensentata a Roma la Coppa del Mondo Enel: si parte nel 2019, 18 piloti, 7 team MotoGP e 2 Moto2 porteranno in pista l'Energica

MotoE: MotoE: la rivoluzione elettrica è già iniziata

Parte da Roma la nuova MotoE, classe riservata alle moto elettriche che si correrà a partire dal 2019 in concomitanza con il campionato del mondo MotoGP. C’è molto di italiano in questa nuova categoria, a partire dalle moto utilizzate, realizzate da Energica, passando per lo sponsor principale, che sarà Enel.

Il primo a prendere la parola è stato il Presidente della FIM Vito Ippolito: “la nostra è stata la prima Federazione al mondo che ha iniziato un progetto sulla sostenibilità 25 anni fa - ha detto - Il nostro lavoro è seguire le nuove tecnologie e qualche hanno fa abbiamo iniziato con Dorna a studiare come introdurre le moto elettriche nel nostro mondo. Abbiamo fatto un grande lavoro insieme per arrivare a questa giornata”.

Sono molto orgoglioso - ha continuato -, siamo all’inizio di una nuova era nel nostro sport e dobbiamo iniziare nel modo giusto”.

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, ha spiegato nel dettaglio come si svilupperà la nuova Coppa del Mondo.

Abbiamo iniziato a parlare con la FIM di questa possibilità 6 o 7 anni fa - le sue parole - Non abbiamo mai pensato a questa classe fuori dalla MotoGP, deve essere parte di questo mondo, anche per quanto riguarda la copertura televisiva”.

Come è già stato annunciato sarà monomarca.

Abbiamo deciso in accordo con la FIM di usare un solo tipo di moto, Energica, dopo vari test.  Non volevamo un’escalation tecnologica con una deriva per i costi. Volevamo un campionato ‘green’ e per questo dobbiamo ringraziare Enel per la collaborazione”.

Insieme a IRTA abbiamo deciso di affidare queste moto ai team satellite di MotoGP e alcuni di Moto2”: saranno 18 i piloti e 7 i team della MotoGP a partecipare e 2 della Moto2, o Moto3. Dal 2019 al 2021 si tratterà di una Coppa del Mondo, con la possibilità di diventare un vero e proprio Campionato del Mondo in futuro.

Francesco Starace, CEO di Enel, ha sottolineato come la mobilità elettrica “stia sempre prendendo piede e comunicarla attraverso lo sport è importante. Stiamo lavorando per creare l’infrastruttura per questi nuovi mezzi, ma  serve la comunicazione. Inoltre vogliamo, partendo da questo mondo, dimostrare come sia possibile fornire energia elettrica senza utilizzare carbone, per esempio fornendo energia pulita a tutto il paddock”.

Sul palco, senza fare rumore naturalmente, è salita la protagonista del campionato: la Energica. Un moto accreditata di 147 CV di potenza e 200 Nm di coppia, che e permettono di passare da 0 a 100 Km/h in 3 secondi e spingersi fino ai 250 Km/h di velocità massima.

A descriverla è stato Loris Capirossi:le sensazioni su questa moto sono diverse mi sono divertito. Mi sono stupito perché sono moto divertenti da guidare e siamo solo all’inizio dello sviluppo - ha detto - Le cosa più strana è non trovare le leve del cambio e la frizione, il peso è elevato ma posto in basso quindi non si avverte, è una moto agile. Inoltre l’erogazione è… elettrica, quello che chiedono tutto i piloti - ha scherzato - Ha una coppia incredibile e puoi veramente giocare con la potenza. E poi, viviamo sempre nel caos, stare a volte nel silenzio è bellissimo”.

Livia Cevolini, CEO di Energica, ha raccontato la nascita di questa moto: “nel 2010 abbiamo deciso di fondare la compagnia per i nostri prodotti. Abbiamo realizzato prima una moto da corsa per poi passare a una stradale. Stiamo lavorando sul modello che verrà usato per la Coppa del Mondo, con l’obiettivo di alleggerirla e di offrire una vera moto da corsa”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti