Tu sei qui

MotoGP, Vinales: la nuova M1 si adatta meglio alle Michelin

"Ora riesco a essere costante, è l'aspetto più positivo. Continueremo a lavorare sull'elettronica per trovare un'erogazione più lineare"

MotoGP: Vinales: la nuova M1 si adatta meglio alle Michelin

Maverick Vinales si è concesso ai giornalisti a metà pomeriggio, prima di ritornare ai box e concludere la seconda giornata di test a Sepang. Come ieri, lo spagnolo ha voluto sfruttare le ore più calde della giornata in modo da replicare le condizioni della gara.

E sono molto contento del lavoro che abbiamo fatto - dice - Oggi la pista è più scivolosa rispetto a ieri ed è proprio quello che ci serviva”.

Vinales è stato chiaro, l’obiettivo non è cercare il miglior tempo (“le prestazioni di Valentino sul giro secco confermano che la moto è veloce e il suo lavoro mi aiuta” commenta) ma lavorare sulla costanza.

Direi che ci siamo, non ho sentito grandi cali anche quanto le gomme avevano 20 giri sulle spalle - dice - Sono riuscito a essere costante e questa è la cosa più positiva”.

La nuova M1 aiuta.

In cosa è diversa dalla 2017? In tutto - ride - Scherzi a parte, non ho dovuto modificare il mio stile di guida ma il nuovo telaio si adatta meglio alle gomme e questo mi permette di essere veloce dal primo all’ultimo giro. Ora bisogna continuare a lavorare sull’elettronica, è il punto su cui concentrarci. Cerco un’erogazione più lineare, perché ai bassi regimi è dolce ma poi arriva la botta di potenza. Per un giro secco va bene, ma per la gara si può migliorare”.

Maverick ha anche un nuovo telaio ancora da provare.

Non so se lo farò domani, non è la priorità - rivela - Voglio effettuare una simulazione di gara e avere tempo per le nuove gomme portare da Michelin”.

Oggi, però, è uscito anche con la nuova carena.

Penso che su alcune piste la utilizzeremo, perché dà un aiuto in accelerazione e riduce l’impennamento. Ha aspetti negativi e atri positivi”, la sua opinione.

Per sapere, invece, quale motore preferisce bisognerà aspettare i test in Tailandia.

Avere indicazioni su un’altra pista sarà utile, perché hanno caratteristiche diverse ma qui i tempi sono simili con entrambi” conclude.


Articoli che potrebbero interessarti