Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "Il nuovo motore è ancora più performante"

Marc: "Il settimo tempo? Oggi era importante trovare la strada da seguire e la base è buona, siamo allo stesso livello dello scorso anno"

MotoGP: Marquez: "Il nuovo motore è ancora più performante"

Marc Marquez ha iniziato la tre giorni malese senza la necessità di rincorrere il cronometro a tutti i costi. Al termine della sessione inaugurale, la sua Honda occupa la settima piazza, a oltre otto decimi dalla vetta (+0.863), detenuta dal compagno Dani Pedrosa.

“È solo il primo giorno e abbiamo lavorato su diversi aspetti – ha rassicurato Marc -mi sono infatti concentrato sulla forcella, così come l’elettronica e il motore. Domani lavorerò invece sull’assetto della moto, provando anche il nuovo pacchetto aerodinamico”.

Durante questa prima giornata, abbiamo visto Marc saltare in sella da una Honda all’altra.

“Una moto era quella del 2017 – ha ricordato - abbiamo iniziato con quella viste soprattutto le condizioni meteo. In seguito mi sono concentrato sulla Honda utilizzata nell’ultimo test di Valencia, infine quella con il nuovo motore”.

Proprio quest’ultima ha lasciato impressioni positive al 93.

Sono contento perché il nuovo motore è ancora più performante – ha commentato  il campione in carica - inoltre i tempi di Dani lo confermano. Come ben sappiamo a Sepang il lavoro è sempre lungo e impegnativo e siamo solo all’inizio”.

Marc fa poi il punto sul settimo tempo di giornata a oltre otto decimi dal compagno.

“Oggi era importante trovare la via da seguire, partendo con una buona base – ha dichiarato lo spagnolo -fin dall’inizio ho riscontrato buone sensazioni, confermando i tempi. Nei test invernali di qualche anno fa mi capitava di soffrire in curva, mentre adesso è diverso”.  

Riavvolgendo il nastro al passato, abbiamo infatti visto in più occasioni il 93 faticare nei test di Sepang, incassando distacchi abissali. Questa volta il pericolo è stato scacciato.

“Siamo allo stesso livello dello scorso anno e ho molte motivazioni – ha rassicurato - mi sento tranquillo, cerco di capire il motore, lavorando e avvicinandomi un passo alla volta al limite, dato che non siamo in un contesto gara”.

L’ultima battuta riguarda invece le vacanze invernali appena terminate.

“Quando vinci il Mondiale è sempre un bell’inverno – ha concluso - ho trascorso tanto tempo con gli amici, facendo anche un po’ di cross e allenandomi in palestra.”


Articoli che potrebbero interessarti