Tu sei qui

Botturi guida l'ottovolante tricolore in Sudamerica

Il pilota bresciano avrà al proprio fianco Metelli e Bertoldi, insegue la top ten Cerutti, tra le new entry del RAID Gerini, Vignola e Minelli

Dakar: Botturi guida l'ottovolante tricolore in Sudamerica

Non mancherà un tocco di azzurro alla 40^ edizione della Dakar. Gran parte dei riflettori saranno sicuramente puntati sui big come Sam Sunderland, Toby Price, Matthias Walkner, senza dimenticarsi di Joan Barreda, Paulo Goncalves e Adrien Van Beveren, ma alla bagarre vogliono prendere parte anche i nostri portacolori.

A guidare la pattuglia italiana sarà nuovamente Alessandro Botturi. Per il pilota bresciano si tratta della sesta partecipazione al RAID e l’intenzione è quella di mettere nel mirino la top ten, lasciando alle spalle l’amarezza delle ultime due edizioni. Si schiererà ai blocchi di partenza con la Yamaha, questa volta però nel team non ufficiale, insieme ai compagni e amici Livio Metelli e Alberto Bertoldi

La parola riscatto accomuna anche il neo Campione Italiano Motorally, ovvero Jacopo Cerutti, in sella alla Husqvarna. Due anni fa il suo debutto alla Dakar con un sorprendente dodicesimo posto, nel 2017 fu invece costretto al ritiro. Tra gli azzurri in gara ha risposto presente all’appello Alessandro Ruoso, al debutto nella scorsa edizione concludendo 38°.

Non mancano poi le new entry, coloro che mai prima d’ora hanno calcato le dune del Sudamerica. È il caso di Maurizio Gerini, Campione Italiano Motorally nella categoria 125 in sella alla Husqvarna 450, che insieme a Fausto Vignola avranno il compito di tenere alti i colori del Team Solaris di Castiglion Fiorentino. A chiudere la formazione azzurra Gabriele Minelli, ai blocchi di partenza con la KTM. Era dai tempi di Fabrizio Meoni che mancava un aretino allo start della Dakar.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti