Tu sei qui

MotoGP, Iannone: Cosa mi manca? Non controllo ancora la Suzuki

The Maniac svela: "Oggi non avevo confidenza con la moto, ci ho provato ma senza migliorare"; Rins: "Fatto un grande passo avanti"

MotoGP: Iannone: Cosa mi manca? Non controllo ancora la Suzuki

Share


Non è andata proprio secondo i piani la giornata di Andrea Iannone a Phillip Island. Dopo il terzo posto del mercoledì, questa volta l’alfiere Suzuki deve accontentarsi soltanto del dodicesimo crono, distante oltre un secondo dalla Yamaha di Vinales. Il suo volto amareggiato lascia pochi dubbi.

“Credo sia stata una giornata in cui ho faticato. Ho provato a migliorare la confidenza con la moto in generale. Sono riuscito a capire alcune componenti, però ho sofferto per tutto il turno”.

Cosa ti regala fiducia?

“Credo il passo, sono riuscito a migliorarlo in confronto a ieri e questo è incoraggiante. Domani dovremo confermarci”.

Nel finale hai utilizzato anche la nuova carena. Quali sensazioni hai avvertito?

“Sinceramente è difficile dirlo, dobbiamo vedere i dati”.

Qual è l’aspetto su cui c’è dal lavorare.

“Siamo a un livello dove serve continuare a lavorare. In gara il risultato potrebbe essere diverso, dato che ho migliorato il ritmo. Mi manca ancora il controllo della moto e un po’ di naturalezza nella guida. Di sicuro il tempo mi aiuterà, consapevoli che ci sono aspetti negativi e positivi”. 

In casa Suzuki la vera sorpresa di giornata è stata Alex Rins. Lo spagnolo ha fatto meglio del compagno, agganciando la nona piazza alle spalle di Valentino Rossi. Una cosa: la confidenza sta crescendo sempre più tra il rookie e la GSX-RR

“Siamo riusciti a essere più costanti rispetto a ieri, inoltre credo sia stato fatto un grosso passo avanti. Questo è l’aspetto che mi regala maggiore fiducia per l’ultima giornata. Nel terzo settore soffrivamo mercoledì, invece oggi abbiamo siamo riusciti a trovare quello che mancava”.   

Articoli che potrebbero interessarti