Tu sei qui

Moto3, Fenati, Antonelli e Bastianini: alti e bassi a Valencia

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI. Soddisfatto in pieno Romano,  a metà Niccolò e qualche problema fisico per Enea

Moto3: Fenati, Antonelli e Bastianini: alti e bassi a Valencia

È stata la pista di Valencia a tenere a battesimo il 2017 dei piloti di Moto2 e Moto3, una due giorni di test in cui non erano presenti tutte le squadre ma che hanno dato le prime indicazioni sui valori in campo in questa stagione.

A fare la parte del leone sono state le KTM, sia in Moto2 che in Moto3. Nella classe intermedia il più veloce è stato Miguel Oliveira, mentre è rimasto fermo Brad Binder per un infortunio al braccio sinistro.

Sono stati due giorni di duro lavoro e tanti giri, specialmente nel secondo con temperature ideali - ha spiegato il portoghese - Abbiamo fatto un bel lavoro e abbiamo provato molte cose, concentrandoci nel migliorare il posteriore della moto. Non ho cercato il giro veloce, ma ho preferito prepararmi alle gare girando con gomme usate”.

In Moto3 le moto arancioni sono state portate in prima posizione da Bo Bendsneyder, mentre Niccolò Antonelli è rimasto leggermente più attardato.

È stato un buon test, ma alla fine non sono riuscito a fare un tempo veloce - ha ammesso - La cosa più importante è che siamo stati in grado di provare molte cose. Ho lavorato sodo ma non è ancora abbastanza, perché la mia spalla non è ancora al 100%, vedremo come si evolverà la situazione da qui all’inizio della stagione. La KTM non è cambiata molto da novembre, è una gran moto ma devo ancora lavorare per capirla meglio”.

La pattuglia italiana a Valencia era ben nutrita e tra loro il migliore è stato Romano Fenati, tornato sulla Honda con il team Snipers e autore del 3° tempo.

"Oggi è stata una giornata molto positiva! - ha detto al termine delle prove - Peccato non aver potuto sfruttare entrambe le giornate ma nel primo giorno le condizioni erano proibitive a causa del vento forte. Abbiamo preferito preservare le forze e la moto per oggi ed è andata bene. Fin da questa mattina abbiamo lavorato bene sulla moto e adesso possiamo solo migliorarci. Continueremo il lavoro a Jerez nei prossimi test".

In pista anche Enea Bastianini, anche lui sulla Honda, moto che conosce bene, ma con i nuovi colori del team Estrella Galicia.

Nella prima giornata abbiamo trovato molto vento e fatto solo quattro giri, ma comunque avevo problemi di stomaco e non mi sentivo molto bene - ha spiegato il romagnolo - Nel secondo giorno stavo un po’ meglio, ma non al 100%. Al mattino ho potuto girare forte, avevo energia, ma nel pomeriggio non sono riuscito a migliorarlo. Nonostante tutto, penso sia stato un test molto produttivo, ho fatto tanti giri e abbiamo capito la direzione da prendere”.

In pista c’era anche il team Leopard con Livio Loi e Joan Mir.

Sono molto felice - ha detto il rookie of the year 2016 - È stato un testo positivo, ho conosciuto la mia nuova Honda. C’è ancora molto lavoro da fare ma l’ho trovata subito facile. Ora dobbiamo concentrarci sui particolari”.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy