Tu sei qui

MotoGP, Rossi: Stoner? è un gran bene che non corra

Valentino scherza sull'ex rivale, poi sulla nuova M1: "è una bella sorpresa". Vinales: "non mi aspettavo di essere così veloce"

Rossi: Stoner? è un gran bene che non corra

Share


A volte si può iniziare una giornata con il piede storto, ma finirla con il sorriso. Questa mattina Valentino si era svegliato con un forte mal di testa, “sono dovuto rimanere al buio e in silenzio per un ora e mezza aspettando che diminuisse. Ho perso un paio d’ore di test, ma non è comunque scomparso” racconta.

La bella sorpresa però lo aspettava ai box e aveva le sembianze della Yamaha M1. “Ho provato per la prima volta la ‘vera’ moto, quella che userò in questa stagione, e per fortuna è migliore della vecchia - afferma - In Giappone hanno lavorato bene sia sul motore che sull’elettronica e domani proverò anche un telaio leggermente diverso”.

Significa che dopo i test dello scorso anno eri preoccupato?
In verità non avevo tanti dubbi, perché nell’ultimo giorno di prove qui a Sepang avevo fatto un bel passo in avanti. Ma quella moto era ancora un prototipo, aveva parti vecchie e nuove, questa invece è la definitiva. All’esterno sembra uguale, ma in realtà è molto diversa”.

È stata una delle più grandi rivoluzioni da quando sei in Yamaha?
Non direi, tre il 2013 e il 2014 la svolta era stata maggiore. Ma quella più grande in assoluto è stata tra il 2004 e il 2005, quella M1 è la ‘mamma’ della moto di oggi”.

In cosa il nuovo modello è migliore?
La prima impressione è che il motore abbiamo migliori accelerazione e velocità massima. Questa moto è veramente fatta bene, anche nei piccoli particolari, è stata una bella sorpresa. Oggi non ero in forma, per via del mal di testa ho cercato di fare pochi giri, ma si guida veramente bene. Il problema più grande lo scorso anno era che stressavamo troppo le gomme e abbiamo trovato delle cose interessanti”.

Hai notato una grande differenza guidando la M1 senza ali?
"Non molto, ma la loro presenza si nota maggiormente nelle piste lente che non qui a Sepang".

Hai ritrovato ancora una volta Stoner in pista…
È molto veloce, è un gran bene che non corra (ride)”.

Delle difficoltà di Lorenzo cosa ne pensi?
È troppo presto, siamo solo al primo giorno di test. Dalla mia esperienza posso dire che la Ducati è molto diversa dalla Yamaha e ha bisogno di un altro stile di guida”.

Le tue impressioni su Vinales, invece?
È molto veloce (ride) Da un certo punto di vista ha uno stile più simile al mio, soprattutto in frenata ed entrata di curva, mentre Lorenzo era più particolare. Guida molto bene”.

Maverick VinalesVINALES: "NON MI ASPETTAVO DI ESSERE COSI' VELOCE" - E i tempi lo dimostrano perché Maverick ha chiuso al 3° posto oggi, arrendendosi solo alle Ducati. Un bel segno per un pilota al suo 5° giorno su una moto e in un team per lui tutti nuovi.

È andata meglio di quanto mi aspettassi - ammette - Il primo giorno è sempre difficile e invece sono stato veloce fin da subito. È stata una buona giornata, in cui sono riuscito a fare molte prove”.

Sei contento del tuo tempo?
Soprattutto del fatto che la moto ha un gran potenziale, perché durante i test non è facile fare un giro veloce. Bisogna fare tante prove e quando hai tutte le parti che ti piacciono magari ti ritrovi con la gomma finita”.

Quindi su cosa ti sei concentrato?
Soprattutto sul passo gara, infatti ho fatto più di 20 giri con ogni treno di gomme. Anche la Suzuki era molto veloce su questa pista, ma con la Yamaha lo puoi essere costantemente, dal primo all’ultimo giro della gara”.

Cosa vorresti migliorare sulla M1?
Prima devo riuscire a sfruttarla al 100%, devo soprattutto migliorarmi in frenata, una fase importante in vista delle gare”.

Cosa ne pensi del miglior tempo di Stoner?
Non capisco perché non corra (ride)”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti