Tu sei qui

Moto3, Romano Fenati : sono più tosto e tiferò Vinales

L'ascolano si prepara al rientro in Moto3 con il team Snipers: "Il titolo sarà una sfida fra italiani"

Romano Fenati : sono più tosto e tiferò Vinales

Romano Fenati è uscito dal motomondiale, non per sua colpa, alla vigilia del Gran Premio d'Austria. Licenziato in tronco dal team Sky-VR46 mentre era secondo in campionato.

La sua squadra non è stata morbida con lui ma l'ascolano, dopo aver replicato senza acrimonia ha preferito prepararsi in silenzio per il 2018 dopo aver firmato con un team il cui nome è tutto un programma: Snipers (cecchini, in inglese N.d.R.). Un omaggio al fondatore, Giancarlo Cecchini, che assieme al figlio Mirko è in responsabile tecnico della squadra.

"Con tutto il rispetto: è il pilastro della squadra. Quando parla lui bisogna ascoltarlo: i nonni hanno sempre ragione", scherza Romano che sa bene che Cecchini senior (nella foto a fianco, con Renzo Pasolini) ha iniziato lavorato a lavorare in quello che una volta si chiamava Continental Circus nel 1964, al fianco di campione come Renzo Pasolini e Mike Hailwood.

"Dopo aver passato un periodaccio, di crisi è stato bello risalire in moto - prosegue Fenati parlando con il Corriere dello Sport oggi in edicola - Sono riuscito a trasformare quella esperienza in positivo, l’ho girata a mio favore. Le cose a volte accadono, forse per via del destino, ma quando si chiude una porta a volte si apre un portone. Con il mio vecchio team, con Sky, non ho più avuto alcun rapporto, ma ho rivisto con piacere Migno, mio ex compagno di squadra e il mio ex capotecnico, Pietro Caprara. Ho sempre pensato che la cosa più importante sia il rispetto, anche verso quelli che sono definiti nemici. E’ stata una situazione dolorosa, ma adesso basta: non pensiamoci più. Un cambiamento? Posso dire che mi si è un po' indurita la scorza".

Fra i pretendenti al titolo Romano pensa che il motomondiale 2017 sarà un affare fra italiani.

"Quest'anno dovrebbe essere una sfida in famiglia: vedo molto forte Enea Bastianini, che è maturato molto ed è in un team con i controcavoli. Poi c'è Di Giannantonio che ha finito la stagione in crescendo, e poi naturalmente non si può dimenticare Nicolò Bulega che ha voglia di vincere e sarà fra i protagonisti e Antonelli che ha firmato con il team Ajo, forse il più forte del mondiale".

Intanto, in attesa di battersi per il 'suo' titolo l'ascolano getta un occhio verso la classe regina.

"Quest'anno tiferò per Maverick Vinales. Secondo me va molto forte e con la Yamaha si è trovato subito bene. Può essere lui la sorpresa di questo 2017. Valentino avrà un bello stimolo ad averlo in squadra e per questo non lo tolgo dai favoriti. Anche lui se la giocherà".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti