Tu sei qui

MotoGP, Marquez fa dirt track su una Honda Super Cub

FOTO E VIDEO. Marc e Dani danno spettacolo all'Honda racing Thanks Day, prima al volante di una F3 poi in scooter

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Se questo fine settimana in Italia tutti gli occhi erano puntati sull’autodromo di Monza per il Rally Show, in Giappone è stato il circuito di Motegi a catalizzare tutte le attenzioni. Come ogni anno si è infatti tenuto l’Honda Racing Thanks Day, una manifestazione che celebra tutti i piloti HRC di ogni disciplina, sia a due che a quattro ruote.

C’erano naturalmente Marc Marquez e Dani Pedrosa, insieme a Takaaki Nakagami, il pilota di trial Takashisa Fujinami, il crossista Tim Gajser e ancora Takum Sato, Jenson Button e Stoffel Vandoorne.

Un’occasione unica per vedere in pista tutti i mezzi da gara della Casa dell’ala, dalle MotoGP alle Indycar. Naturalmente Marc e Dani non si sono limitati solo alle due ruote, ma si sono esibiti su vari mezzi, a partire da una F3.

Uno dei momenti più divertenti è stata una gara sui Super Cubs, uno scooter utilitario che Honda ha prodotto in più di 100 milioni di esemplari in 60 anni. Un mezzo tranquillo, che però nelle mani di Marquez si è trasformato in una fun bike. La cavalleria non è quella di una MotoGP, ma il piccolo diavolo ha dimostrato che si può derapare anche con lui… e naturalmente Marc si è esibito in uno dei suoi famosi salvataggi in un incontro ravvicinato con le protezioni. Nel video qui sopra potete scoprire di cosa stiamo parlando.

Mi sono divertito molto - ha commentato l’evento - Ho potuto provare diverse moto e macchine, quest’anno ho guidato una F3 ed è stata un’esperienza che mi è piaciuta. Inoltre è stato un onore fare un giro di pista con Sato, che ha vinto ad Indy”.


Anche Pedrosa si è goduto l’evento: “guidare la F3 è stata una delle cose più belle. L’anno scorso provai la NSX, era stato bello ma questa volta è stato ancora meglio, forse perché posso sentire l’aria addosso, come in moto. Si può frenare tardissimo e per tutto il tempo in cui l’ho guidata ho pensato a come sarebbe al volante di un F1”.

Articoli che potrebbero interessarti