Tu sei qui

MotoGP, Rossi: aiutare Vinales? vedremo

"Yamaha non me lo ha mai chiesto, dipenderà dalla situazione. La gamba sta bene, 3 gare importanti per preparare il 2018"

MotoGP: Rossi: aiutare Vinales? vedremo

La pausa lunga prima dell’inizio del trittico nel Far East ha fatto bene a Valentino, che ha potuto sfruttare le settimane di riposo per rimettersi in forma. Il Dottore è arrivato in Giappone, se non in perfetta forma, almeno in condizioni molto migliori rispetto a quelle in cui aveva corso ad Aragon. La stampella è ormai un lontano ricordo.

Avevo sofferto un po’ dopo la gara in Spagna, ma era normale - spiega - Avere una settimana in più di stop per me è stato importante. Di solito non mi piace perché si perde il ritmo, ma questa volta è stato un vantaggio”.

Come ti senti?
La gamba va bene, faccio ancora un po’ di fatica a camminare ma non ho avuto particolari problemi neanche durante il viaggio. Sto sicuramente meglio rispetto ad Aragon”.

Ti sei potuto allenare anche in moto?
Sì, a Misano sulla R1 e poi sabato è stato bello tornare al Ranch. Sulla moto da flat track ho qualche problema in più, perché sento dolore quando appoggio il piede”.

Ora però bisogna pensare alla MotoGP e alle 3 gare di fila…
“È un momento particolare, devi approcciarlo pensando che sono una dietro l’altra. La cosa più importante è che correremo in tre piste bellissime, con un’atmosfera che mi piace molto”.

Potrebbe decidersi il titolo e tu, Lorenzo e Pedrosa potreste esserne gli arbitri.
Jorge nelle ultime gare è stato veloce e lo stesso Dani, spero di riuscire ad esserlo anch’io. Senza dubbio potremo avere un ruolo importante per la classifica, potremo togliere punti a un pilota piuttosto che a un altro. Però, penso che alla fine ognuno farà la propria gara”.

Non potremo assistere a giochi di squadra?
Sono sempre difficili, bisognerà vedere se Ducati, Honda e Yamaha chiederanno di farli”.

Se ti chiedessero di aiutare Vinales cosa risponderesti?
Non so, dipenderebbe dalla situazione. Non saprei cosa rispondere ora”.

Hai mai fatto il gregario a qualcuno?
Non ricordo, Yamaha non me lo ha mai chiesto”.

Certamente non l’hai fatto per Jorge qui a Motegi nel 2010…
Quella è stata una bella lotta (ride). Però Lorenzo aveva molti punti di vantaggio e Pedrosa non aveva preso parte alla gara per un infortunio”.

Perché sono importanti per te queste ultime 4 gare dell’anno?
Per lavorare per la prossima stagione, perché la M1 soffre ancora a fine gara per il consumo della gomma. Per questo motivo è importante concentrarsi adesso su questo problema, per risolverlo dovremo lavorare sull’elettronica ma anche su telaio e distribuzione dei pesi. Non mi aspetto novità da qui a Valencia, ma spero che riusciremo a essere comunque competitivi”.

Sulla carta qual è la pista che dovrebbe creare meno problemi?
Questa, Motegi, ma le previsioni del tempo sono brutte. È un peccato perché l’anno scorso ero stato veloce prima di cadere. L’acqua mi preoccupa di più, perché in questa stagione non sono mai stato particolarmente veloce. Potrebbe essere una buona occasione per lavorare su questo punto”.

Anche Vinales sembra in difficoltà, dopo la pausa estiva è stato l’unico dei piloti di classifica a non avere mai fatto neppure un giro in testa…
Maverick sembra essere più in difficoltà nella prima parte di gara per poi migliorare nel finale. A Misano era però stato molto veloce sull’asciutto, purtroppo in gara era piovuto. Comunque queste sono tre piste in cui la Yamaha è sempre andata forte, potrà essere competitivo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti