Tu sei qui

MotoGP, Iannone: era diventato impossibile guidare

Andrea spiega: "Sin dai primi giri ho avuto problemi al braccio, la tuta anti pioggia mi ha bloccato la circolazione. Peccato aver sprecato una situazione favorevole"

MotoGP: Iannone: era diventato impossibile guidare

L’arrivo della pioggia sembrava poter essere un alleato per Andrea Iannone, sesto nel warm up ma alle prese con un weekend tutt’altro che facile. Le cose però sono andate diversamente, ma per una ragione totalmente inaspettata. Questa mattina in effetti è stato molto positivo il warm up spiega the maniac – ed la confidenza con la moto era davvero buona; la squadra mi aveva messo a disposizione una moto abbastanza veloce, ed io ero molto fiducioso. Peccato non essere riusciti a sfruttare questa occasione, dato che sull’asciutto eravamo molto più in difficoltà, ma purtroppo già dal terzo giro ho iniziato ad avere il braccio destro bloccato e gonfio, che mi impediva di frenare ed accelerare correttamente”.

Un problema insolito, del quale però il 29 pare aver trovato la causa scatenante

“Verso la fine ho fatto davvero tanta fatica, non riuscendo nemmeno a non tirare la leva del freno non avendo per nulla sensibilità, così mi sono dovuto fermare. Mi dispiace davvero per Suzuki e per tutti coloro che lavorano con me e per me duramente tutti i weekend. Non mi è mai successa una cosa del genere in carriera, ed è forse la prima volta che mi ritiro per problemi fisici in quindici anni. La tuta antipioggia era molto stretta e mi ha bloccato la circolazione sotto l’ascella, facendo gonfiare tanto il braccio e facendomi perdere sensibilità; alla curva 4 sono andato due volte dritto per questa ragione, così alla fine ho deciso di fermarmi”.

Ora per lo meno all’orizzonte del pilota di Vasto ci sono i test di domani proprio a Misano, dove poter cercare il passo in avanti in vista di Aragon e delle restanti gare della stagione.

“Domani lavoreremo presso che su tutto. Durante il weekend abbiamo provato il nuovo telaio che dobbiamo confermare, e con il quale ho avuto sensazioni leggermente migliori. Sicuramente un passo alla volta stiamo prendendo la direzione giusta, ed adesso arriverà tanto altro materiale da sviluppare e provare”. 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti