Tu sei qui

MotoGP, Rossi beffa Marquez nei test di Brno, 3° Vinales

Il Dottore soffia la vetta allo spagnolo, 4° Lorenzo, seguito da Zarco, Crutchlow e Pedrosa, 9° Iannone, 10° A. Espargarò, 11° Dovizioso

MotoGP: Rossi beffa Marquez nei test di Brno, 3° Vinales

Niente sosta per i piloti della classe regina, di nuovo in pista a Brno per una giornata di test l’indomani della gara. Sul tracciato che ha visto Marquez dominare il decimo round stagionale, Valentino Rossi si è preso una mezza rivincita in questo lunedì. Nel finale di sessione,  completamente asciutta, il Dottore ha infatti tirato fuori il coniglio dal cilindro, siglando il crono di 1’55”162, che gli ha permesso di agganciare le vetta. Quanto basta per rifilare al portacolori Honda 18 millesimi di distacco.    

La M1 del 46 ha sfoggiato per l’occasione una nuova carena con quattro ali inglobate nei fianchi, proprio come il compagno Maverick Vinales, terzo a quasi due decimi (+0.173). Un’evoluzione verso cui c’era grande attesa da parte della Casa dei Tre Diapason, soprattutto in vista del prossimo round al Red Bull Ring, dove i lunghi rettilinei la fanno da padrone. Tra i due alfieri Yamaha c’è quindi Marquez, anche lui in pista con carena “alata”, a differenza del compagno Dani Pedrosa, settimo a oltre mezzo secondo dalla vetta (+0.633).

Nel pomeriggio il cinque volte iridato ha compiuto un grande balzo in avanti, ma non è servito per assicurarsi la leadership delle libere. In casa Honda c’è poi da registrare il quinto crono di Cal Crutchlow (+0.606) a soli 77 millesimi dalla Yamaha satellite di Johann Zarco.

Anche il britannico ha utilizzato la nuova carena, come già fatto in precedenza, concludendo anzitempo il proprio lavoro. L’alfiere LCR si è inoltre concentrato sulle gomme. Ricordiamo infatti che Michelin ha portato all'anteriore uno pneumatico con una nuova carcassa e due nuove mescole per il 2018, oltre a quella usata a Misano lo scorso anno. Mentre al posteriore nuove mescole in previsione della prossima stagione.

Per quanto riguarda Ducati, il più veloce è stato Jorge Lorenzo (+0.380), autore del quarto crono a circa quattro decimi di distacco dall’ex compagno, mentre undicesimo Andrea Dovizioso, in pista anche lui con la nuova carena, sfoggiata lo scorso weekend dal maiorchino (+1.241).

Nella top ten c’è  poi spazio per la Yamaha di Jonas Folger, ottavo, a 68 millesimi dalla Honda di Pedrosa. Lo segue  Andrea Iannone (+0.943), finito due volte a terra ma senza riportare conseguenze. Più arretrato Alex Rins (14° +1.457), mentre chiude il gruppo il collaudatore giapponese Tsuda, anche lui in pista dopo l’impegno alla 8 Ore di Suzuka. Decima l’Aprilia di Aleix Espargarò (+1.101).

Ricordiamo che al questa giornata di test non hanno preso parte i team satellite Ducati, ovvero Pramac, Aspar e Avintia. Adesso tutti in Austria per l’undicesimo GP della stagione.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti