Tu sei qui

MotoGP, Folger: ho seguito Marquez, ma la moto non era pronta

Decimo il tedesco, che ha effettuato il flag-to-flag dietro al Campione del Mondo: "è stato un errore". Dodicesimo Zarco: "sono entrato al box troppo tardi"

MotoGP: Folger: ho seguito Marquez, ma la moto non era pronta

Gran Premio della Repubblica Ceca difficile e tanti errori oggi per il team Yamaha Tech3 di Hervè Poncharal, con i due piloti Jonas Folger e Johann Zarco apparsi in affanno rispetto alle ultime uscite stagionali.

Il tedesco numero 94 è transitato decimo sotto alla bandiera a scacchi, ed a pesare sulla sua prestazione è stato l’errore commesso nel flag-to-flag: “avevo optato di entrare nel box per il cambio moto nello stesso giro di Marquez -racconta Jonas- ma è stato un errore, perché la mia seconda M1 non era pronta. Ho dovuto quindi proseguire la gara con le gomme rain ed entrare nella corsia box per una seconda volta”.

Un peccato per il tedesco, perché nei giri restanti del Gran Premio ha mostrato un passo molto veloce: “avevamo apportato soluzioni tecniche molto interessanti sulla moto ed il nostro assetto era efficace -continua Folger- ho effettuato alcuni giri velocissimi ed avremmo potuto essere davvero competitivi oggi, perché ho superato diversi avversari. È stato un vero peccato per ciò che è successo, ma capita a tutti di commettere errori, queste sono le gare”.

Gara da non ricordare troppo piacevolmente nemmeno per Johann Zarco, conclusa con una incolore dodicesima posizione: non posso nascondere il mio disappunto -è deluso il francese- per questa gara così complicata; abbiamo iniziato il Gran Premio con le gomme da bagnato e speravo di non dover cambiare moto” invece….”la pista si è asciugata assai rapidamente ed ho dovuto cambiare strategia, ma sono entrato nel box uno o due giri troppo tardi, perdendo quasi 10 secondi”.

Sì, perché Zarco è stato l’ultimo a fermarsi per il flag-to-flag alla fine del sesto giro, 4 passaggi dopo la scelta perfetta e tempestiva di Marquez: “se non avessi sbagliato, avrei potuto finire nei primi 6 -è rammaricato Johann- Rossi era davanti a me, è entrato per il cambio moto, ed ho pensato che un giro in più mi avrebbe agevolato… invece ho perso tempo ed è stato un vero peccato”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti